Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, convegno a Salerno

Il 21 novembre a Palazzo di Città l'iniziativa promossa dalla cooperativa sociale Fili d'erba in occasione del trentennale

0
98

Giovedì 21 Novembre, alle ore 10.00, presso la Sala del Gonfalone del Comune di Salerno, si terrà un convegno in occasione del trentennale della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Un evento volto a celebrare i primi trenta anni trascorsi dall’approvazione della Convenzione Internazionale ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza che venne stipulata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York il 20 novembre del 1989. La Convenzione è composta da 54 articoli ed è uno strumento giuridico ed un riferimento ad ogni sforzo compiuto in difesa dei diritti dei bambini. Il convegno, organizzato dalla Cooperativa Sociale Fili d’Erba, rappresenterà un’occasione per promuovere riflessioni costruttive su alcuni di questi importanti articoli volti alla tutela dei minori.
Il programma previsto per l’evento, inizierà alla ore 10:00 con l’accoglienza ed i saluti del Sindaco della città di Salerno, Vincenzo Napoli. Seguiranno gli interventi di: Giovanni Savastano, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Salerno; Ciro Plaitano, Presidente della Cooperativa Sociale “Fili d’erba”; Maria Iagulli, Psicologa e Psicoterapeuta; Pietro Avallone, Presidente del Tribunale per i Minorenni di Salerno; Lucia Scannapieco, Avvocato e Presidente C.A.M. Telefono Azzurro di Salerno
L’evento sarà moderato dalla giornalista Rosita Sosto Archimio.
La partecipazione al convegno è gratuita e su richiesta verrà rilasciato attestato di partecipazione.
La Cooperativa Sociale “Fili d’erba” che da 18 anni realizza servizi e progetti rivolti a minori e alle famiglie nella città di Salerno e provincia, è particolarmente attenta al rispetto dei diritti di bambini ed adolescenti che formeranno la società adulta del domani. Per l’occasione sarà possibile visionare un insieme di disegni a tema, elaborati dai minori accolti nei Centri Residenziali e Semiresidenziali, oltre ad assistere alla proiezione di un video creato ad hoc per l’evento che li vedrà protagonisti.