A Foggia è in palio la salvezza

Salernitana in campo questo pomeriggio (h.15) allo Zaccheria. Per via delle numerose assenze, Gregucci ha ridisegnato l'assetto tattico dei suoi che dovrebbero schierarsi con un 3-5-2

0
373

Foggia (3-5-2): Leali; Martinelli, Billong, Ranieri; Gerbo, Busellato, Greco, Cicerelli, Kragl; Mazzeo, Iemmello. A disposizione: Noppert, Boldor, Loiacono, Ngawa, Sonnini, Zambelli, Chiaretti, Deli, Di Masi, Cavallini, Galano, Matarese. Allenatore: Grassadonia

Salernitana (3-5-2): Micai; Pucino, Migliorini, Gigliotti; Casasola, Akpa Akpro, Minala, Odjer, D. Anderson; Jallow, Calaiò. A disposizione: Vannucchi, Lazzari, Mantovani, Vuletich, Rosina, Di Tacchio, Memolla, Schiavi, Volpicelli, Orlando, A. Anderson, Mazzarani. Allenatore: Gregucci

Arbitro: Riccardo Ros di Pordenone

Assistenti: Formato e Rossi

IV uomo: Eugenio Abbattista di Molfetta

Una gara da dentro o fuori, che mette in palio punti preziosissimi per la corsa salvezza. Allo stadio Zaccheria, questo pomeriggio, Foggia e Salernitana si daranno battaglia per conquistare l’intera posta il palio, che rappresenterebbe un mattoncino importante verso la corsa salvezza. I granata arrivano a questa sfida senza senza il miglior uomo, l’attaccante Milan Djuric. Assente anche Lopez, Gregucci ha ridisegnato l’assetto tattico dei suoi che dovrebbero schierarsi con un 3-5-2. Micai tra i pali, con Pucino, Migliorini e Gigliotti a formare la linea a tre di difesa. In mediana, Casasola e Djavan Anderson saranno gli esterni, con Akpa Akpro, Minala e Odjer a completare la linea a cinque. In attacco accanto a Calaiò, torna dal primo minuto Jallow. Stesso schieramento tattico anche per il Foggia dell’ex Grassadonia, che manda in campo Leali tra i pali, difesa a tre con Martinelli, Billong e Ranieri. A centrocampo Gerbo e il temibile Kragl agiranno sulle corsie esterne, con gli ex Busellato, Cicerelli e Greco, a completare il reparto. In attacco, spazio a Mazzeo, altro ex dell’incontro e al bomber Iemmello.