A Torino c’è in ballo il futuro

Dopo una settimana movimentata, con il Genk e il caso Insigne che hanno tenuto banco e messo sul banco degli imputati società e allenatore, domenica è in programma la gara contro la squadra dell'ex Mazzarri: in palio punti determinanti per la rincorsa del Napoli a Juventus e Inter

0
292

Il pareggio in Champions League con il Genk e il caso Insigne hanno movimentato gli ultimi giorni in casa Napoli. Ancelotti è finito sul banco degli imputati, così come la società, quando all’orizzonte c’è una gara fondamentale per il prosieguo della stagione. La trasferta di Torino contro i granata dell’ex Mazzarri è già un crocevia determinante per non perdere terreno da Inter e Juventus, che si affronteranno a San Siro, in un match che potrebbe favorire la rincorsa dei partenopei. Per questo motivo gli uomini di Ancelotti sono chiamati a un solo risultato: la vittoria. Ancelotti medita qualche modifica rispetto all’undici visto in Belgio mercoledì pomeriggio, alcune dettate da problemi fisici e squalifiche, altre invece da scelte puramente tecniche. Dunque, fuori Koulibaly squalificato e Mario Rui infortunato, per lui 20 giorni di stop, dentro Luperto e Ghoulam. Si accomoderanno in panchina Allan, Fabian Ruiz, Milik e Lozano, che non hanno brillato contro il Genk, sostituiti da Zielinski, Llorente, Mertens e Insigne. Dunque, spazio a Meret tra i pali, con Di Lorenzo, Manolas, Luperto e Ghoulam a completare il reparto difensivo. In mediana Callejon agirà a destra, con Zielinski ed Elmas al centro, mentre capitan Insigne si riappropria della corsia mancina. In attacco torna Mertens dal primo minuto a far coppia con lo spagnolo Llorente. Mazzarri conferma il 3-5-2 con Izzo, Nkoulou e Lyanco a formare il terzetto difensivo, vista la squalifica di Bremer, che agiranno davanti a Sirigu. In mediana De Silvestri ed Ansaldi saranno gli esterni, con Baselli, Rincon e Meité a completare il reparto. In attacco, accanto al bomber Belotti, ci sarà l’ex Simone Verdi, che ha vinto il ballottaggio con Berenguer, mentre Iago Falque e Zaza si accomoderanno in panchina.