Accordo con Giannetti. Ventura chiede Cerci

Grandi manovre in casa Salernitana, che sta accelerando i tempi per riuscire a dare a Ventura, sin dalle prime battute del ritiro di San Gregorio Magno, una squadra su cui poter lavorare

0
239
Alessio Cerci

Grandi manovre in casa Salernitana, che sta accelerando i tempi per riuscire a dare a Ventura, sin dalle prime battute del ritiro di San Gregorio Magno, una squadra su cui poter lavorare. In questa ottica vanno letti gli arrivi di Firenze, Morrone e Carillo, che ieri hanno svolto le visite mediche. L’esterno ex Crotone è sicuramente un colpo importante per la Salernitana, che con Ventura imposterà un gioco tutto votato all’attacco. Il centrocampista Biagio Morrone, invece, è reduce dall’esperienza con la Juventus B, e con i granata ha firmato un triennale, mentre il difensore Luigi Carillo classe ’96 è arrivato in prestito da Genoa. Sempre per la difesa è in arrivo via Lazio il difensore cipriota, Andreas Karo. Prelevato dall’Apollon Limassol, il Nazionale Under 21 ha alle spalle un campionato nella massima serie cipriota con il Pafos, oltre ad una presenza in Europa League. Dalla società biancoceleste è pronto ad approdare a Salerno anche Cristiano Lombardi, che ha risolto il suo rapporto biennale con il Venezia, e non partirà per il ritiro di Auronzo di Cadore. Aspettando di capire quali altri rinforzi arriveranno da Roma (ha già fatto il viaggio di ritorno Casasola, e potrebbero fare lo stesso Minala, Djavan Anderson e forse André Anderson), la Salernitana ha praticamente chiuso con l’attaccante classe ’91 Niccolò Giannetti. Il bomber di proprietà del Cagliari, nell’ultima stagione ha collezionato 24 presenze, realizzando 8 reti con la casacca del Livorno. Dall’amaranto al granata, il passo è breve, per colui che diventerà il terminale offensivo di una squadra che sarà votata tutta all’attacco, come ha fatto intendere lo stesso Ventura. In questa ottica va visto anche il possibile arrivo in granata di Alessio Cerci. Esterno dotato di colpi importanti, da qualche anno è sparito dai radar, dopo aver toccato l’apice della sua carriera quando il primo settembre del 2014, dopo due stagioni da protagonista con la maglia del Torino dove ha realizzato 72 presenze e 21 reti, trascinando i granata 19 anni dopo in Europa, con la conquista dei preliminari di Europa League, Cerci passa all’Atletico Madrid. Qui firma un triennale da 15 milioni di euro più bonus. Nonostante una buona partenza, con una rete nei gironi di Champions contro il Malmo, dopo una partita con la Nazionale disputata contro l’Albania, dichiara di voler avere più spazio e quindi gli spagnoli lo cedono prima al Milan in prestito e poi al Genoa. Due parentesi in chiaroscuro per l’esterno romano, che torna all’Atletico Madrid e dopo poco di comune accordo con la società viene svincolato, accasandosi all’Hellas Verona dove colleziona 25 presenze e 3 reti. Appena una stagione e l’8 agosto 2018 arriva il passaggio all’Ankaragücü, squadra della Süper Lig turca. Qui l’impatto non è dei migliori e il 29 marzo 2019 viene messo fuori rosa, aprendo un contenzioso col club per il pagamento degli stipendi. Nonostante non scenda in campo da diversi mesi, Cerci sta continuando ad allenarsi, in attesa di una chiamata che potrebbe concretizzarsi molto presto, con Ventura che non vede l’ora di poter riabbracciare uno dei suoi pupilli.