A Fuorni con ovuli di hashish: bloccati dai cani antidroga

La denuncia arriva dal segretario regionale dell'Unione Sindacati Polizia Penitenziaria, Ciro Auricchio: nella rete di controlli sono finiti i detenuti e i loro familiari

0
125

Familiari di detenuti tentano di introdurre ovuli di hashish in carcere. È accaduto nel carcere di Fuorni a Salerno. L’intento criminoso è stato bloccato dai cani antidroga Axel, Zolly, Buk e Igor. La denuncia arriva dal segretario regionale dell’Unione Sindacati Polizia Penitenziaria, Ciro Auricchio: “All’alba di ieri – dice Auricchio – gli automezzi speciali dell’Antidroga Campania, del Distaccamento di Benevento e Avellino, hanno raggiunto il Reparto salernitano in supporto dei Baschi Azzurri. A finire nella rete dei controlli sono stati sia i detenuti che i loro familiari. Più persone hanno tentato di introdurre ovuli di hashish ai detenuti, tutti familiari recatisi in visita colloquio ma l’intento criminoso è stato bloccato dai cani poliziotto antidroga Axel, Zolly, Buk e Igor”.
“Negli ultimi mesi – conclude Auricchio – si sono registrati continui fenomeni di introduzione di droga e telefoni cellulari all’interno delle carceri di Stato, attività delittuose che hanno visto finire in manette, solo in Campania, decine di persone nonostante la grave carenza di organico il personale di Salerno riesce a garantire l’ordine e la sicurezza”.