“Amore criminale” a Cava per la tragedia di Nunzia

Domenica in prima serata su RaiTre il caso della 41enne di ammazzata dal marito, condannato a 30 anni di carcere. L'avvocato della famiglia Maiorano: «47 coltellate alla moglie davanti agli occhi di uno dei bambini e della suocera meritano una pena giusta»

0
4062
Nunzia Maiorano e il marito

La terza puntata di Amore Criminale è dedicata a Nunzia Maiorano, uccisa a 41 anni a Cava de’ Tirreni. Dopo un inferno di quindici anni di violenze, da tre mesi la donna aveva deciso di non dormire più sotto lo stesso tetto del marito anche se di giorno continuava a occuparsi di lui e dei figli. Nunzia aveva deciso di separarsi per scappare da un matrimonio infelice e violento. Così si era trasferita a casa della madre. La mattina del 22 gennaio 2018 Nunzia viene uccisa dal marito davanti agli occhi dell’anziana madre e del figlio più piccolo, costretto ad assistere all’omicidio. Nonostante le lesioni, gli schiaffi, i pugni, i calci, le ciocche di capelli strappate, le coltellate e i morsi, Nunzia – mentre muore – volge l’ultimo sguardo al figlioletto, chiedendo alla propria madre di portarlo al sicuro.
L’ex marito di Nunzia, Salvatore Siani, 48enne barbiere di Cava de’ Tirreni, è stato condannato per omicidio in primo grado, con rito abbreviato, a 30 anni di carcere. Si attende l’appello.
Tutta la vicenda è stata ricostruita con una docu-fiction che andrà in onda domenica 17 marzo alle ore 21.20 su RaiTre.
Nell’anteprima della puntata Veronica Pivetti reciterà un testo scritto dallo scrittore Paolo Di Paolo proprio sull’omicidio di Nunzia Maiorano.
Intanto i legali che stanno seguendo la vicenda, l’avvocato Carmela Novaldi e l’avvocato Francesco Siniscalchi tengono alta l’attenzione sulla vicenda. L’avvocato Novaldi sottolinea l’efferatezza del reato e auspica che la pena venga confermata anche in appello:
“In primo grado nonostante la scelta del rito abbreviato, il Tribunale ha condannato a 30 anni l’imputato. – ha dichiarato l’avvocato Carmela Novaldi – Confido che in appello la pena venga confermata. Il Siani ha agito con spietata lucidità, ha inferto 47 coltellate alla madre dei suoi 3 figli sotto gli occhi del figlio minore e della madre ultra ottantenne della vittima.  Tutta questa efferatezza merita una pena giusta. Questo mi aspetto”.