Azzurri sciuponi, vince il Barcellona

Nell'amichevole andata in scena questa notte all'Hard Rock Stadium di Miami decide nel finale un destro di Rakitic. Il ritorno tra tre giorni in Michigan. Ancelotti soddisfatto: "La squadra mi è piaciuta, i ragazzi hanno disputato una gara di personalità"

0
273

BARCELLONA-NAPOLI 2-1

BARCELLONA (4-3-3): Neto, Wagué (66′ Semedo), Todibo (66′ Piqué), Umtiti, Firpo; Rakitic, Busquets, Puig (66′ de Jong); Perez (66′ Dembélé), Suarez (46′ Abel Ruiz), Griezmann (46′ Rafinha). Allenatore: Valverde

NAPOLI (4-4-1-1): Meret; Di Lorenzo (77′ Hysaj), Manolas (57′ Luperto), Maksimovic, Mario Rui (57′ Ghoulam); Callejon, Zielinski, Elmas (57′ Gaetano), Insigne; Fabian Ruiz (57′ Verdi); Mertens (57′ Milik). Allenatore: Ancelotti

Reti: 39′ Busquets (B), 43′ aut. Umtiti (B), 79′ Rakitic (B)

Ammoniti: Wagué (B), Milik (N), Firpo (B), Hysaj (N)

I catalani vincono 2-1 la prima delle due sfide che vedrà opposto il Napoli al Barcellona. All’Hard Rock Stadium di Miami gli spettatori hanno potuto assistere ad una gara divertente con continui capovolgimenti di fronte, con due squadre che hanno mostrato una buona condizione fisica, e trame di gioco interessanti. La differenza l’ha fatta la mira degli attaccanti azzurri, che sotto porta hanno sprecato tantissimo con Mertens, Insigne e soprattutto Milik. Decide nel finale un destro di Rakitic, fortunato a trovare il pallone dopo un rimpallo, che fissa il risultato sul 2-1 dopo Busquests al 39′ aveva aperto le danze, e quattro minuti dopo era arrivato il pari degli azzurri su autorete di Umtiti. Va in archivio il primo atto della Liga-Serie A Cup che vedrà il ritorno tra tre giorni in Michigan. Primo tempo divertente con il Napoli pericoloso in più occasioni. Al 19′ Insigne si fa ipnotizzare da Neto in uscita, sprecando una buona opportunità, mentre Mertens al 31′ servito da Callejon, sfiora il palo. Nel momento migliore degli azzurri arriva il gol di Busquets che dal limite trova una conclusione che supera Meret. Il Napoli incassa il colpo e si rialza subito. Insigne pesca Callejon, abile nel solito movimento dietro i difensori. Controllo dello spagnolo e conclusione in diagonale sporcata da Umtiti che termina in porta. Nella ripresa girandola di sostituzioni, con Ancelotti che tra gli altri getta nella mischia Milik. Il polacco sfiora la rete del vantaggio azzurro al 58′ con un diagonale di sinistro che termina di poco al lato. Ancora Milik pericoloso qualche minuto dopo, ma questa volta è Neto a dirgli di no con un grande intervento in area. Un colpo di testa di Dembélé fa ricordare a tutti che in campo c’è anche il Barcellona, ma ancora Milik al 76′ si divora la rete del 2-1, cercando un improbabile appoggio in rete di petto su traversone dalla sinistra di Ghoulam, con la palla che finisce alta sulla traversa. Gol sbagliato, gol subito. Tre minuti dopo, infatti, Rakitic non sbaglia. Servito da un rimpallo il centrocampista fa partire un destro potente che supera Meret e regala la vittoria al Barcellona. A fine partita, parole positive per il tecnico del Napoli, Carlo Ancelotti, che loda la prestazione della squadra. “La squadra mi è piaciuta, i ragazzi hanno disputato una gara di personalità. C’è molta soddisfazione, al di là del risultato, perché abbiamo creato tanto, siamo riusciti a costruire partendo da dietro e le linee di gioco sono state molto ben eseguite. Di fronte avevamo un avversario che ha tantissima qualità e siamo stati in linea con quello mostrato nelle ultime due amichevoli con Liverpool e Marsiglia”.