Bellomo alla Reggina, Palumbo verso il Catania

Il club granata attivo soprattutto nelle cessioni. Asse privilegiato con i calabresi

0
332

La storia tra la Salernitana e Nicola Bellomo è arrivata ai titoli di coda. Un rapporto mai sbocciato, quello tra il centrocampista nato a Bari e la società granata, che lo aveva prelevato dall’Alessandria nell’ambito dell’affare Casasola. Prendersi per poi lasciarsi. Era successo così fin da subito, con Bellomo che era stato spedito in prestito alla Sambenedettese, all’epoca guidata da Eziolino Capuano. Proprio il tecnico salernitano, da meno di una settimana sulla panchina del Rieti, lo ha cercato con insistenza, paragonandolo addirittura a Xabi Alonso. Il corteggiamento, però, non è andato a buon fine, perché il centrocampista ha raggiunto un accordo con la Reggina, accettando la proposta da un anno e mezzo di contratto. Neanche gli ottimi rapporti di Capuano con la dirigenza granata sono serviti a chiudere l’affare, consentendo così di riformare la coppia vista a San Benedetto del Tronto. Bellomo approda in riva allo Stretto, alla corte di mister Cevoli, in una squadra che attualmente occupa l’ottava posizione in classifica con 27 punti all’attivo, a ben 19 lunghezze di distacco dalla vetta occupata dalla sorprendente Juve Stabia. Gli affari tra Reggina e Salernitana, però, potrebbero non finire qui perché altri elementi interessano al club amaranto, su tutti Alessandro Rosina, che però attraverso il fratello procuratore ha fatto capire chiaramente di non volersi muovere da Salerno. Rosina, che è blindato da un contratto importante, punta ad arrivare alla scadenza, per poi liberarsi a parametro zero e trovare una squadra che voglia ancora investire su di lui. Vicino all’addio anche un altro centrocampista granata, Antonio Palumbo, elemento arrivato a Salerno in prestito dalla Sampdoria. Proprio con il club blucerchiato si sta discutendo il rientro alla base del giocatore, che poi potrà essere girato al Catania, società che ha battuto la concorrenza del Cosenza. Anche Palumbo, come Bellomo, in granata ha collezionato solo qualche apparizione e non rientrando nei piani tecnici di Gregucci, ha accettato di buon grado la nuova destinazione.