Black out totale, a Empoli tornano le streghe

Non funziona il turn over di Ancelotti. La peggiore partita del campionato: azzurri con la testa da un'altra parte, i toscani vincono meritatamente con un gol per tempo. Di Zielinski il provvisorio pari. Solo un grande Meret evita un passivo più pesante

0
336

EMPOLI (3-5-2): Provedel; Maietta, Silvestre, Veseli; Di Lorenzo, Krunic (40′ Brighi), Bennacer, Traoré, Pajac (91′ Antonelli); Farias, Caputo. A disposizione: Perucchini, Saro, Pasqual, Capezzi, Oberlin, Ricchi, Nikolaou, Belardinelli. Allenatore: Andreazzoli.

NAPOLI (4-4-2): Meret; Malcuit (76′ Verdi), Luperto, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Zielinski, Younes (57′ Ruiz); Ounas (57′ Mertens), Milik. A disposizione: Karnezis, D’Andrea, Hysaj, Maksimovic, Zedadka, Gaetano. Allenatore: Ancelotti

Arbitro: Doveri

Reti: 27′ Farias, 44′ Zielinski, 53′ Di Lorenzo

Note: Ammoniti Koulibaly, Milik (N), Pajac e Traorè (E). Recupero: pt 3′; st 4′

Il Napoli cade al “Castellani” contro un Empoli affamato di punti. Più forte la voglia dei toscani di conquistare l’intera posta in palio, per continuare la corsa salvezza, rispetto ad un Napoli a tratti molle. Gli azzurri, però, partono forte e al 4′ minuto Callejon dalla destra fa partire un traversone basso per Milik, anticipato dall’uscita bassa di Provedel. L’Empoli fa densità in mezzo al campo, ma gli azzurri si rendono ancora pericolosi in contropiede. E’ il 19′ quando Ounas porta palla e scarica a sinistra per Younes. Il tedesco salta un avversario e prova la conclusione a giro che termina alta. I padroni di casa si affacciano per la prima volta dalle parti di Meret due minuti dopo. Pajac dalla sinistra serve un pallone basso sul primo palo. Farias cerca l’impatto vincente, ma la conclusione termina sul fondo. La risposta azzurra è affidata a Mario Rui che dalla sinistra pesca al centro Milik. Il polacco tra due avversari prova la conclusione, Provederl è ancora pronto e blocca la sfera. Nel momento migliore del Napoli, gli uomini di Andreazzoli passano. Farias entra in area, con una finta sbilancia Malcuit e prova la conclusione a giro di destro, deviazione con una mano da Zielinski che beffa Meret e termina in rete. E’ il miglior momento del primo tempo per l’Empoli che al 38′ sfiora il raddoppio. Palla in verticale per Farias. Il brasiliano sulla corsa serve al centro un traversone basso per Caputo. Conclusione di piatto, con Meret che si oppone con le mani salvando la sua porta. Il Napoli inizia a macinare gioco a testa bassa e al 44′ trova il gol del pareggio con l’ex Zielinski. Il polacco con una conclusione potentissima da venticinque metri buca le mani di Provedel e riporta il match in parità. In pieno recupero gli azzurri sfiorano il raddoppio. Traversone al centro di Mario Rui, di testa mette fuori la difesa dell’Empoli. La palla arriva ad Ounas che ha un rigore in movimento. Conclusione dell’esterno azzurro che termina di pochissimo al lato. Il primo tempo si chiude, quindi, sul risultato di uno a uno al “Castellani” per effetto delle reti di Farias e dell’ex Zielinski. Nella ripresa stessi schieramenti del primo tempo, con l’Empoli che parte subito forte e dopo un minuto si rende subito pericoloso. Contropiede dei toscani, palla a Caputo che si gira e conclude. Pallone deviato che diventa un assist per Pajac. Botta potente con Meret che mette in angolo. Il Napoli tenta a riprendere in mano le redini del gioco, ma sono ancora i padroni di casa a rendersi pericolosi. Traore in verticale per Caputo. Buco della difesa azzurra e conclusione dell’attaccante empolese. Meret in due tempi devia in corner. Dagli sviluppi del corner, pallone sul primo palo di Bennacer con Di Lorenzo che ruba il tempo a Milik e Allan e di testa batte l’estremo difensore azzurro. Ancelotti corre subito ai ripari e getta nella mischia Mertens e Fabian Ruiz al posto di uno spento Ounas e Younes. Il modulo rimane il 4-4-2, ma in campo ci sono tutti i titolari. La reazione del Napoli arriva al 61′ minuto. Traversone di Malcuit, Mertens in piena area arpiona il pallone e prova la conclusione deviata, che diventa un assist per Milik, che per un soffio non trova l’impatto con la sfera. Tre minuti dopo azione tambureggiante del Napoli, con Callejon che mette il pallone teso al centro. Zielinski sul secondo palo incrocia con la sfera che termina di pochissimo al lato. Ancora Napoli pericoloso sull’asse Mertens – Milik. Conclusione potente del polacco, deviata in corner da Provedel. L’Empoli al 75′ sfiora il 3-1 in contropiede. Pallone in verticale per Farias che solo davanti a Meret conclude, con l’estremo difensore azzurro che gli dice di no deviando in corner. Ancelotti si gioca il tutto per tutto gettando nella mischia anche Verdi al posto di Malcuit e passando al 4-2-4. Dopo quattro minuti di recupero con l’assalto all’arma bianca da parte degli uomini di Ancelotti, arriva il triplice fischio che certifica il successo dei toscani, che conquistano tre punti vitali per continuare a sperare nella salvezza.