Centenario, conto alla rovescia per il 19 giugno

Questa mattina al Comune la presentazione del calendario di iniziative programmate per onorare i cento anni della Salernitana. Sul mancato invito da parte degli amministratori alla dirigenza granata risponde Caramanno: "Sarà presente il tecnico Leonardo Menichini, ed insieme a lui ci sarà un pezzo della storia della Salernitana, Gigi Genovese. Credo che la proprietà sappia cosa vuole Salerno“.

0
71

Manca ormai pochissimo alla fatidica data che segnerà l’inizio dei festeggiamenti per il centenario della Salernitana. Questa mattina a Palazzo di Città, durante una conferenza stampa di presentazione dell’evento, il sindaco Napoli e l’assessore Caramanno, allo illustrato il programma dell’evento. Il primo cittadino ha evidenziato che si tratterà di un evento sobrio, perché si tratterà della festa dei tifosi e della città di Salerno. “Sarà una festa bella e sobria che la città ha organizzato per la propria squadra del cuore. Sarà una giornata per allegra, ricca di sentimento perché la Salernitana è la squadra di Salerno. Un elemento identitario in cui si riconosce tutta la città. La forza della squadra è la sua tifoseria, i tanti appassionati che la seguono con grande abnegazione alternando momenti di gioia ad altri di grande delusione, ma sono sempre vicini alla squadra del cuore. Ci saranno iniziative sobrie e leggere, che però testimonieranno le emozioni dei cento anni di storia della Salernitana. Presenzieranno i protagonisti, e ci saranno tantissime immagini che porteranno alla mente ricordi e trionfi di questa società. Chiederemo risposte positive nel futuro perché ci auguriamo che la Salernitana abbia un destino importante”. Al sindaco Napoli fanno eco le parole dell’assessore Caramanno, che sottolinea come non sia partito nessun invito ufficiale ai massimi dirigenti granata, mentre discorso differente per Menichini e qualche altro elemento della rosa. “Il 19 giugno sarà presente naturalmente il tecnico Leonardo Menichini, ed insieme a lui ci sarà un pezzo della storia della Salernitana, Gigi Genovese. Abbiamo invitato anche il centrocampista Di Tacchio, che non è Fabio Grosso ma al suo gol abbiamo esultato allo stesso modo. Credo che la proprietà sappia cosa vuole Salerno“.