Centro storico: la “buona pratica” del complesso San Michele