CinemAzioni, tre giorni di cultura e impegno sociale

Presentata la rassegna organizzata dal Comitato Salute e Vita con la collaborazione del Csv Salerno. Dal 15 al 17 marzo ci saranno proiezioni di cortometraggi, dibattiti, spettacoli teatrali e dialoghi con artisti, poeti, attori, giornalisti per un lungo week-end dedicato ai diritti sociali

0
259

«Salerno è viva, un sottobosco culturale pulsante di associazioni e realtà sociali che si muovono, oggi come ieri, ma soffocato dalle fronde di alberi alti, all’ombra di un racconto mediatico concentrato da decenni su pochi argomenti monolitici». È questa la denuncia del giovane scrittore Davide Bottiglieri durante la presentazione dell’evento CinemAzioni, che si terrà a Salerno da venerdì 15 a domenica 17 marzo. Tre giorni di proiezioni di cortometraggi, dibattiti, spettacoli teatrali e di dialoghi con artisti, poeti, attori, giornalisti, un lungo week-end dedicato all’arte impegnata nel suo scopo più nobile: lanciare messaggi di slancio sociale alla comunità.
L’evento è organizzato dall’Associazione Salute e Vita, con il contributo del Csv – Centro servizi per il volontariato – e si svolgerà quasi interamente presso la sede dell’Associazione “Casa di Andrea”, situata a Torrione in via Posidonia n. 153. L’appuntamento di sabato 16 marzo alle ore 10:30, invece, si terrà presso la Sala Bilotti dell’Archivio di Stato.
Ogni giornata riguarderà un tema particolare: #AmbienteTradito, #RestiamoUmani, #ArgentoVivo. Sono tanti i nomi di calibro nazionale che saranno presenti, a partire da Rosy Battaglia, giornalista pluripremiata per la sua opera di inchiesta sui disastri ambientali italiani, dall’amianto all’Ilva di Taranto; il collegamento con Salerno sarà ovviamente alle Fonderie Pisano. Ancora saranno presenti padre Alex Zanotelli, il sindaco Luigi De Magistris, l’ex detenuto nonché attuale scrittore e sceneggiatore teatrale Massimo Balsamo, l’operaio dell’Ilva e poeta Vincenzo De Marco, il presidente di Medicina Democratica Paolo Fierro, attori teatrali come Danilo Napoli, e tanti altri ancora.
Saranno tre giorni in cui i cittadini salernitani avranno l’occasione di conoscere opere artistiche di ogni genere, che affrontano e raccontano dinamiche legate alla vita quotidiana di tutte le città, Salerno inclusa: le barriere architettoniche per i disabili, l’integrazione, lo stato delle carceri, lo stato della tutela ambientale e della salute.
L’organizzazione è stata interamente affidata a due giovanissimi direttori artistici, il regista e sceneggiatore Luigi Di Domenico, 22enne, e il poeta e scrittore Davide Bottiglieri, di 26 anni, entrambi salernitani. I due vantano già un ricco curriculum e, supportati da Lorenzo Forte (presidente dell’associazione) e da Matteo Zoccoli, responsabile tesseramento dell’associazione, con CinemAzioni tenteranno di «aprire una nuova finestra nel dibattito pubblico cittadino, cercando di portare l’attenzione comune ben oltre un palazzo, un’opera pubblica, un aeroporto». Perché Salerno non è solo una comunità assopita e senza partecipazione sociale.