Contro il Cittadella Ventura si gioca la panchina

Granata attesi sabato prossimo a un match verità: traballa la fiducia della società nei confronti del tecnico, che potrebbe essere sollevato dall'incarico in caso di sconfitta in Veneto

0
68

Inizia una settimana difficile per la Salernitana, che dopo il deludente pareggio per 1-1 all’Arechi contro l’Ascoli si prepara per la trasferta sul campo del Cittadella. Una gara che apre il mese di dicembre, sulla carta insidioso per i granata, vista la difficoltà degli avversari che si presenteranno sul cammino da qui alla sosta invernale. Come detto la prima insidia in ordine di tempo si chiama Cittadella. I granata saranno impegnati al Tombolato sabato pomeriggio alle 15, contro la compagine allenata da Venturato, reduce dal buon pareggio in trasferta sul difficile campo di Crotone. I veneti, domani sera saranno impegnati nel quarto turno di Coppa Italia sul campo della Fiorentina di Vincenzo Montella. Una buona notizia per Ventura, che non solo potrà studiare bene gli avversari, visto che la gara sarà trasmessa in diretta tv esclusiva su Rai Sport HD, ma anche perché i veneti avranno una gara in più nelle gambe e meno tempo per recuperare. La Salernitana, intanto, si è ritrovata questa mattina per iniziare la settimana di lavoro, con Ventura che riabbraccerà diversi elementi assenti nell’ultima gara contro i marchigiani. Tornano a disposizione, il centrale Migliorini che ha scontato la squalifica, oltre a Jaroszynski, Firenze e Giannetti, assenti contro l’Ascoli perché bloccati a letto dall’influenza. Da verificare la condizione fisica di Thomas Heurtaux. Il difensore francese aggregato alla Primavera ha giocato tutti i 90′ minuti, senza accusare nessun fastidio fisico. Per l’ex Udinese si tratta di un traguardo importante, visto che non giocava una gara intera da oltre un anno e mezzo. Ventura ha deciso di mandarlo ad accumulare minuti con la formazione Primavera, ed il difensore è subito sceso in campo muovendosi molto bene. Una buona notizia per il tecnico granata, che in difesa ultimamente ha gli uomini praticamente contati.