Corecom Campania, prevenzione per combattere il bullismo

@scuolasenzabulli è un percorso di forum a tappe che si rivolge alla prima generazione di ragazzi per i quali i personal device non sono considerati un mero strumento di comunicazione, ma una vera e propria estensione di sé. L'obiettivo è contrastare anche il cyberbullismo

0
192

“Un uso distorto di internet può provocare forti disagi nella vita reale. Dobbiamo fare in modo che i ragazzi comprendano che il bullismo è una piaga sociale terribile, abbiamo bisogno di solidarietà e di presa in carico del più fragile e non di violenza”. Lo ha detto Rosa D’Amelio, presidente del Consiglio della Regione Campania, intervenuta alla quarta tappa di @scuolasenzabulli 2019 promossa dal Comitato Regionale delle Comunicazioni della Campania, presieduto da Domenico Falco, presso l’Istituto Omnicomprensivo “Francesco De Sanctis” di Cervinara, in provincia di Avellino. “La scuola deve fare la sua parte – ha aggiunto la presidente D’Amelio – ma è essenziale che all’interno delle famiglie i ragazzi percepiscano la cultura della solidarietà e dell’integrazione. Si è forti davvero quando si include e non quando si emargina il diverso, si è fragili se non si accettano le differenze”.
Per Ivana Nasti, direttore del Servizio Ispettivo dell’Agcom, “è indispensabile sensibilizzare i giovani verso un uso consapevole dei nuovi dispositivi elettronici che danno accesso alla rete informatica. I social media offrono una grande opportunità di comunicare ed esprimere opinioni ma occorre farlo in maniera corretta”.
“I giovani devono essere paladini di legalità e solidarietà – ha sottolineato Domenico Falco, presidente del Corecom Campania -, impegnandosi in prima linea nel contrastare ogni forma di bullismo”.
“Bisogna prestare attenzione ai comportamenti e all’uso dei social – è il monito che Raffaella Cioffi, assessore alla Cultura di Cervinara, ha rivolto ai ragazzi presenti all’incontro durante il suo intervento -, di fronte a comportamenti di bullismo dovete denunciare e aiutare chi è più debole”.
“Bullismo e cyberbullismo sono vere e proprie emergenze sociali che esplodono quotidianamente”, ha rimarcato Serafina Ippolito, dirigente scolastico dell’Istituto omnicomprensivo ‘Francesco De Sanctis’ di Cervinara. La scuola è la prima agenzia dove i ragazzi manifestano intolleranze e piccole cattiverie. Quotidianamente cerchiamo con mille iniziative di affrontare l’emergenza attraverso uno sportello di ascolto e specialisti”.
L’impegno della struttura scolastica è stato confermato anche da Anna Izzo, sociologia e assistente sociale, che ha evidenziato “Già da tempo attraverso diverse iniziative in questo istituto stiamo affrontando questioni legate a questo fenomeno con particolare attenzione alla gestione delle emozioni e quella delle fragilità”.
Nel corso dell’iniziativa l’assistente capo della Polizia postale, Giuseppe Giorgio, ha illustrato agli studenti, con l’ausilio dei filmati, i pericoli della ‘rete’ e dei social network.