Presidi, da gennaio 460euro al mese in più

Un primo grande passo verso la completa equiparazione agli altri dirigenti della pubblica amministrazione

0
111

Un maxi aumento per i dirigenti scolastici italiani che sono più di settemila. Dal I gennaio prossimo avranno una busta paga molto più pesante, 460 euro mensili netti al mese in più. L’altra notte è stato siglato l’accordo all’Aran che riconosce ai capi d’istituto l’allineamento della retribuzione di posizione parte fissa agli standard riconosciuti ad altre figure dirigenziali pubbliche. Si conclude così una lunga battaglia sostenuta dai presidi che, a fronte delle ingenti responsabilità di ufficio, lamentavano proprio la inspiegabile distanza retributiva dagli altri dirigenti pubblici. Tra le altre conquiste ottenute il diritto alla “disconnessione” durante il periodo di ferie, con la conseguente possibilità di delegare le loro funzioni e la possibilità, volendo, di tornare ad insegnare. Di questi ed altri diritti riconosciuti ai capi d’istituto dopo una lunghissima vertenza ne dà notizia, in anteprima, il Sole24Ore di oggi.