«De Luca di sinistra non ha più niente»

Buttafuoco: «Il centrodestra è indeciso sul candidato perché spiazzato, l’avversario è il loro vero campione»

0
437
Pietrangelo Buttafuoco

In Campania c’è un centrodestra indeciso a tutto, per dirla alla Mino Maccari. Così «indeciso perché in realtà – sostiene Pietrangelo Buttafuoco – il vero campione della destra è proprio De Luca». Lo scrittore e giornalista conserva il gusto del paradosso, anche nell’analisi. Origini politiche a destra, intellettuale non organico, ed allergico agli schemi precostituiti, Buttafuoco lancia una provocazione. Provocazione neanche tanto spinta. «Per questo – dice – il centrodestra è proprio spiazzato, e vorrebbe tanto avere De Luca come riferimento. Secondo me il vero testacoda è tutto qua».
Ci spieghi bene il senso di questo testacoda.
De Luca non rappresenta certamente l’idealtipo adatto alla sinistra. Non ha niente dello scafato politico di sinistra. Sembra non corrispondere neppure a quella che è la vera identità della sinistra, di essere il partito-sistema.
Al di là di questo, il centrodestra sembra in perenne traccheggiamento, non solo in Campania. L’accordo sui nomi latita ancora. E si registra il contrasto tra la Lega e Forza Italia sul nome di Caldoro, candidato designato da Berlusconi, che rivendica il diritto di scelta, per gli accordi nazionali. Questa melina, intanto, avvantaggia De Luca, risalito prepotentemente nei sondaggi. Che idea si è fatto?
L’idea che mi sono fatto è che è sempre la realtà a dettare l’agenda, al di là delle buone intenzioni dei singoli gruppi politici o dei leader di riferimento. È la realtà che cambia le carte in tavola. Prima di questa crisi, già sembrava aperta la partita. Ma adesso la realtà ha costretto De Luca ad essere protagonista. La posizione di De Luca è speculare a quella di Zaia in Veneto. Hanno altissime percentuali di consenso. Così come è inimmaginabile pensare ad un’alternativa per il centrosinistra a Luca Zaia, adesso diventa difficilissimo immaginarla in Campania.
Secondo lei l’alternativa potrebbe essere uno come Caldoro, che tra l’altro già è stato governatore?
Non lo so, sinceramente non ho una conoscenza approfondita. Mi sembra una bravissima persona. Anche una persona che ha dato ottime prove di amministrazione. Però non saprei dire nello specifico, io do un giudizio dall’esterno. La mia è una valutazione sullo stato delle cose.
Ma questo fatto che De Luca raccolga molti consensi a destra, cosa significa: che non esiste più nulla della vecchia politica ideologica, di ogni pallido riferimento ai simboli tradizionali?
No no, esiste. E che De Luca non riesce a essere identificato a sinistra. Per il suo stile, per la sua personalità, la sua ironia. Quando mai la sinistra ha avuto queste capacità di ironia? Mai.
E quindi?
De Luca invece interpreta uno schema totalmente fuori da qualunque consuetudine, da qualunque tabù tipico del politicamente corretto. Se c’è uno che sfascia il politicamente corretto è proprio lui. E la sinistra si identifica totalmente nella correttezza.
Quindi lei pensa che uno come De Luca possa fare più bene che male alla sinistra?
Sicuramente ne mette in crisi gli statuti ideologici, e ne esalta le contraddizioni. Ma tutto ciò è conseguenziale alla realtà, allo stato delle cose.
Restando nel centrodestra, crede che lo sfondamento al sud di Salvini, ritenuto vicino pochi mesi fa, sarà rimandato?
Una cosa è essere leghisti a Varese, un’altra è diventarlo al sud, su questo non c’è dubbio. Sono due diversi orizzonti mentali, oltre che culturali.
Ma nella strategia di avvicinamento al sud, Salvini ha sbagliato qualcosa?
Se la Lega è passata dal 4% a una percentuale a due cifre, lo deve al sud, dove ha costruito un suo patto elettorale.
Le chiedo un’ultima cosa: quanto potrà incidere il fattore Covid, o meglio il fattore paura, sulle prossime regionali?
Secondo me si tratta di vedere tra un paio di settimane, quando sarà più difficile mantenere lo stato di emergenza. Più la gente si libererà dalla paura, a maggior ragione si libererà dal governo centrale.

(Dal Quotidiano del Sud di Salerno-L’ALTRAVOCE della tua Città)