Entro Natale nome e simbolo della “cosa rossa” di De Magistris

Il prossimo 15 dicembre secondo appuntamento dei promotori del nuovo soggetto politico di sinistra

0
78
Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris

Il Natale porterà in dono a Luigi De Magistris nome e simbolo della nuova “cosa” rossa tenuta a battesimo dal primo cittadino di Napoli sabato scorso, in occasione della manifestazione che ha visto convergere presso il Teatro Italia di Roma circa un migliaio di esponenti di associazioni, movimenti, comitati civici. A Scandire le tappe del processo destinato a concludersi con la nascita della nuova formazione politica è lo stesso De Magistris che, in un’intervista rilasciata a Radio Crc, ha ricordato l’appuntamento del prossimo 15 dicembre, un momento “di coordinamento di tutte le forze che ci vogliono stare”. Il sindaco di Napoli ha sottolineato anche la “voglia di mettersi insieme per iniziare e consolidare un cammino che non è solo di sinistra perché la nostra proposta è maggioritaria. Vogliamo metterci insieme per cambiare davvero il Paese partendo dai territori, dai movimenti, dai militanti veri”.

Intanto si delineano anche alcuni punti programmatici della costituenda forza politica, ad iniziare – ovviamente – dai temi legati al Mezzogiorno, autonomia in primis. “Lo porterò al tavolo del programma che scriveremo insieme. La mia idea – ha detto ancora De Magistris – è fondare soprattutto sull’autonomia delle città, non credo tanto nelle Regioni che hanno fallito la loro mission. Punterei sull’autonomia delle città grandi e piccole per costruire un’Italia coesa nella valorizzazione di tutte le autonomie. Qui invece andiamo ad esaltare solo l’autonomia delle Regioni ricche, Veneto e Lombardia, e daremo il colpo finale all’Unità d’Italia. Dopo che sarà approvato in Consiglio dei Ministri l’autonomia del Veneto, l’Italia per come è scritta nella Costituzione repubblicana non ci sarà più”.