Debacle col Bologna, ora è crisi senza uscita

Gli azzurri sprofondano ancora di più nel tunnel: annullato dal Var un gol di Llorente per fuorigioco al 94', sospetti sulla rete del 2-1 dei felsinei. Ma l'arbitraggio non è più un alibi

0
66

Napoli (4-4-2): Ospina, Maksimovic, Manolas, Koulibaly, Di Lorenzo; Fabian, Zielinski, Elmas (65′ Mertens), Insigne; Lozano (82′ Younes), Llorente. All. Ancelotti. A disp: Meret, Karnezis, Luperto, Mario Rui, Hysaj, Gaetano, Callejon, Mertens, Younes.

Bologna (4-3-3): Skorupski; Tomiyasu, Bani, Danilo, Denswil; Medel (62′ Svanberg), Poli, Dzemaili; Orsolini (46′ Skov Olsen), Sansone, Palacio. All. Tanjga. A disp: Corbo, Da Costa, Destro, Juwara, Krejci, Mbaye, Sarr M., Schouten, Skov Olsen, Svanberg.

Arbitro: Pasqua

Reti: 41′ Llorente (N), 58′ Skov Olsen, 81′ Sansone

Ammoniti: Medel (B), Koulibaly (N), Denswil (B), Destro (B)

Il Napoli non sa più vincere in campionato e deve arrendersi anche al modesto Bologna. Azzurri che chiudono il primo tempo in vantaggio per 1-0 grazie al gol di Llorente, nella ripresa vedono materializzarsi la rimonta dei felsinei. Prima ci pensa il neo entrato Skov Olsen al 58′ a ristabilire la parità e all’81′ Sansone punisce Ospina. In pieno recupero Llorente realizza il gol del pari, annullato per posizione di fuorigioco dello spagnolo. Napoli e Bologna ci mettono ben 17′ minuti prima di regalare un’emozione degna di nota ai circa 25 mila del San Paolo. Ci pensa Lozano che dopo una splendida azione corale degli azzurri con Elmas che serve Fabian Ruiz, velo dello spagnolo e conclusione del messicano che finisce all’incrocio dei pali e poi alle spalle di Skorupski. Tutto fermo, però, e gol annullato per la posizione irregolare dell’ex attaccante del Psv. I felsinei ben messi in campo provano a difendersi ed allora il Napoli ci prova da calcio da fermo. E’ il 22′ quando Insigne da distanza siderale prova a sorprendere Skorupski, pronto ad allungarsi e a devia la sfera in corner. Alla mezz’ora il Bologna si affaccia dalle parti di Ospina. Liscio clamoroso di Fabian Ruiz in piena area e palla che diventa un assist per l’ex Blerim Dzemaili. Lo svizzero che prova al volo con una mezza rovescia, con palla che finisce di pochissimo al lato. Dopo il pericolo scampato il Napoli trova il gol del vantaggio. E’ il 41′ quando i partenopei partono in contropiede. Sponda perfetta di Llorente che innesca la velocità di Insigne. Il capitano porta a spasso mezza difesa del Bologna, prima di concludere in maniera potente con un tiro che passa tra le gambe di Danilo. Lukasz Skorupski si allunga e devia il pallone, ma il più lesto di tutti è Llorente che da due passi con un tap in vincente deposita la palla in rete. Esplode il San Paolo e il Napoli sembra scrollarsi di dosso tutte le paure, con Koulibaly che un minuto dopo va via in velocità sulla corsia sinistra. Doppio passo del senegalese che salta un avversario e serve al centro un traversone basso. Llorente prova a trovare l’impatto con la sfera, ma viene anticipato di un soffio dall’uscita bassa di Lukasz Skorupski che salva la sua porta. Sul tramonto del primo tempo ancora un contropiede pericoloso degli azzurri, ma Lozano spreca tutto concludendo fuori, ed ignorando sia Insigne che Elmas meglio piazzati ai lati. Finisce qui il primo tempo con i partenopei che tornano negli spogliatoi meritatamente in vantaggio per 1-0 grazie alla rete dello spagnolo Llorente. La ripresa inizia con il Napoli subito arrembante. Insigne va via nel traffico e una volta chiuso, scarica per Elmas. Conclusione non potente, che però viene deviata, con gli azzurri che protestano per un presunto fallo di mano. I partenopei continuano a spingere e al 55′ confezionano con Insigne un’altra ghiotta occasione. Il capitano va via in velocità e dopo essersi fatto tutto il campo prova la conclusione dal limite parata da Skorupski che devia in corner. Nel momento migliore del Napoli arriva la rete del Bologna. E’ il 59′ quando Sansone dalla sinistra prova il tiro a giro. Koulibaly di testa con una torsione anticipa Palacio, ma il pallone diventa un assist per Andreas Skov Olsen che da due passi batte Ospina. Ancelotti gioca la carta Mertens e il belga subito si rende pericoloso, recuperando un pallone al limite su sponda di Llotente. Conclusione potente che esce di un soffio, creando l’illusione ottica del gol al San Paolo. Ancora Mertens al 78′ spreca da ottima posizione su assist di Lozano. Come in occasione del pareggio, nel momento in cui il Napoli si propone nello sforzo maggiore il Bologna trova la rete. Triangolo stretto tra Blerim Dzemaili e Nicola Sansone, che controlla e con il destro batte Ospina. Proteste del Napoli per un presunto fallo che da dato il via all’azione dei felsinei, ma per Pasqua è tutto regolare e convalida la rete. Il Napoli si getta a testa bassa in avanti, ma neanche l’ingresso in campo di Younes cambia le sorti del match. In pieno recupero lanci disperato di Koulibaly per Llorente, che controlla e vince il corpo a corpo con Danilo. Conclusione da due passi e palla in rete. Ma dopo le proteste dei calciatori del Bologna e il richiamo del Var, Pasqua annulla la rete dell’attaccante spagnolo per posizione di fuorigioco. Gli azzurri, quindi, devono arrendersi al Bologna, che conquista l’intera posta in palio. E’ crisi nera per Ancelotti e i suoi ragazzi, che continuano a perdere posizioni in classifica e vedono anche il quarto posto ormai quasi un miraggio.