Domenica c’è il Catanzaro: granata senza Cerci

Il neo acquisto della Salernitana sarà assente nella gara di Coppa Italia contro il Catanzaro: ieri si è aggregato al gruppo e ha cominciato un allenamento differenziato. Ecco il probabile undici che scenderà in campo domenica sera all'Arechi.

0
334
Ventura con Cerci che potrebbe essere in campo sabato contro il Perugia

Salernitana in campo questo pomeriggio alle ore 18:00 presso il C.S. “Mary Rosy”. Ventura sta intensificando il lavoro in vista della prima uscita ufficiale dei granata, in programma domenica sera all’Arechi contro il Catanzaro. La gara, che sarà diretta dal signor Luca Massimi di Termoli, coadiuvato dagli assistenti Oreste Muto di Torre Annunziata e Vittorio Di Gioia di Modena, IV uomo il signor Mario Vigile di Cosenza, mette in palio il passaggio del turno in Coppa Italia. La manifestazione tricolore, oltre ad essere una bella vetrina, rappresenta un appuntamento importante per iniziare a testare la condizione fisica della squadra, oltre che quella mentale. Assente sicuro domenica sera il neo acquisto Alessio Cerci, che ieri ha svolto il primo allenamento con la squadra. L’esterno classe ’87, che ha firmato un contratto fino al 2021, ha salutato i nuovi compagni e il tecnico Ventura che lo ha voluto fortemente in granata, e poi ha svolto lavoro differenziato con Akpa Akpro e Lopez, che stanno recuperando dai rispettivi infortuni. Cerci, che non ha svolto il ritiro ma si è allenato da solo, dovrà recuperare la condizione fisica e quella brillantezza che da sempre lo hanno contraddistinto. Ventura, intanto, lavora sull’undici che affronterà domenica la formazione di Auteri. Nessun dubbio sul modulo, che sarà ancora una volta 3-5-2, con Micai certo del suo posto tra i pali. In difesa il terzetto dovrebbe essere formato da Karo, Billong e Migliorini, mentre in mediana la linea a cinque potrebbe vedere l’esordio dal primo minuto sulla corsia di sinistra di Jaroszyński, appena arrivato in prestito dal Genoa. L’inserimento del polacco sulla corsia mancina, consentirà a Kiyine di poter tornare al ruolo di interno di centrocampo, posizione a lui più congeniale, e che gli consentirà di poter esprimere al meglio le sue qualità. A completare il reparto ci saranno Lombardi sulla corsia di destra, Di Tacchio al centro e uno tra Firenze e Maistro. In attacco, ancora fiducia alla coppia Giannetti – Jallow, con Djuric pronto a subentrare a gara in corso.