Doppietta di Insigne, azzurri avanti in Coppa

Il Napoli accede ai quarti di finale grazie alla vittoria conquistata contro il Perugia. Gara decisa dai calci di rigore.

0
70

NAPOLI – PERUGIA 2-0

NAPOLI (4-3-3): Ospina; Hysaj, Manolas, Di Lorenzo, Mario Rui; Elmas, Fabian Ruiz (65′ Demme), Zielinski (84′ Allan); Lozano (75′ Callejon), Llorente, Insigne. Allenatore: Gattuso

PERUGIA (3-5-2): Fulignati; Gyomber, Sgarbi, Falasco; Rosi, Falzerano, Carraro (71′ Konate), Buonaiuto (55′ Dragomir), Nzita; Iemmello (62′ Melchiorri), Falcinelli. Allenatore: Cosmi

Reti: 26′ e 38′ Rig. Insigne (N)

Ammoniti: Falzerano (P), Iemmello (P), Gyomber (P), Fabian Ruiz (N)

Recupero: 5′ Pt – 3′ St

Arbitro: Massimi

Note: al 51° Ospina para un calcio di rigore a Iemmello

Il Napoli cancella le due ultime sconfitte in campionato, ritrovando la vittoria in Coppa Italia. Finisce due a zero al San Paolo con gli azzurri che superando il Perugia, accedono ai quarti di finale della manifestazione tricolore. Una gara decisa nel bene e nel male dai calci di rigore, due quelli assegnati al Napoli e trasformati magistralmente da Insigne, uno quello che poteva riaprire il match, decretato in favore del Perugia e neutralizzato da Ospina. Nel mezzo tante azioni da gol costruite dagli uomini di Gattuso, che inizialmente lascia in panchina in neo acquisto Demme, confermando Fabian Ruiz in cabina di regia con Elmas e Zielinski ai lati. In attacco al centro c’è lo spagnolo Llorente, con Insigne e Lozano ai lati. Buona partenza del Napoli che al 12′ si fa vedere dalle parti di Fulignati. Azione personale di Fabian Ruiz che salta due avversari e dal limite prova la botta. L’estremo difensore umbro devia come può la sfera in angolo. Dagli sviluppi del corner battuto da Insigne, si alza in cielo Manolas che supera tutti e batte di testa, spedendo il pallone di poco al lato. Un minuto dopo ancora azzurri pericolosi. Splendida azione manovrata con la palla che arriva ad Insigne. Il capitano vede l’inserimento di Lozano a destra. Pallone rasoterra con il messicano che in estirada indirizza il tiro verso la porta. Fulignati si supera e devia mantenendo il risultato inchiodato sullo 0-0. Il Napoli continua a macinare gioco e al 22′ crea ancora un pericolo nell’area di rigore del Perugia, ancora dagli sviluppi del corner con il solito Manolas che di testa colpisce l’esterno della rete dando l’illusione del gol. La rete del vantaggio è nell’aria e arriva puntuale al 25′ minuto grazie ad un calcio di rigore. Lozano raccoglie un passaggio di Zielinski, converge dalla destra verso il centro e cerca e trova lo scambio con Llorente. Pallone di ritorno dello spagnolo al messicano, che viene letteralmente falciato da Nzita. Per Luca Massimi non ci sono dubbi nell’assegnare il tiro dagli undici metri. Sul dischetto si presenta il capitano Lorenzo Insigne, che spiazza Fulignati e regala il vantaggio agli azzurri. Ancora Lozano pericoloso poco dopo la mezz’ora, dopo uno scambio con Zielinski. Conclusione del messicano, con Iemmello che devia la palla con il braccio. Inizialmente il direttore di gara non ravvede il fallo del centravanti del Perugia, ma poi richiamato dal Var si dirige a visionare le immagini. Poco dopo torna in campo e assegna il secondo penalty di giornata al Napoli. Dal dischetto c’è ancora Lorenzo Insigne, che cambia angolo e spiazza ancora una volta Fulignati. Il Perugia è alle corde e il Napoli nel primo dei due minuti di recupero cala il tris con Zielinski, che conclude in diagonale alle spalle di Fulignati, ma viene fermato dalla bandierina del guardalinee che segnala la posizione di fuorigioco. Sull’azione susseguente il Perugia ha l’opportunità di riaprire il match Cross di Falcinelli nel cuore dell’area che colpisce la mano di Hysaj. Il direttore non si accorge del tocco dell’albanese, ma richiamato ancora una volta dal Var, visiona le immagini e dopo un po’ di titubanza iniziale assegna il rigore. Sul dischetto c’è Immello che si fa ipnotizzare da Ospina, che cancella l’errore di sabato pomeriggio contro la Lazio, che è costato la sconfitta, e lascia il risultato fermo sul 2-0 per il Napoli. Nella ripresa gli azzurri ripartono a spron battuto e al 54′ costruiscono una buona occasione da gol. Insigne serve sulla corsa Mario Rui, abile a sovrapporsi con i tempi giusti. Traversone al centro del portoghese con Llorente e Fabian Ruiz che non ci arrivano. La difesa umbra allontana dalle parti di Zielinski, che prova la conclusione respinta dal corpo di un calciatore perugino. Girandola di cambi con Cosmi che getta nella mischia prima Dragomir e poi Melchiorri. Gattuso risponde richiamando in panchina Fabian Ruiz, per lui qualche fischio, e facendo esordire il neo acquisto Diego Demme. Il Perugia si fa vedere dalle parti di Ospina al 70′ minuto. Rosi dalla sinistra effettua un traversone con i giri giusti per la testa di Falcinelli. Torsione dell’attaccante e palla sul secondo palo che finisce fuori di un soffio. La risposta del Napoli è tutta nel destro di Elmas, con Fulignati bravo a farsi trovare pronto nella respinta. Nel primo dei tre minuti di recupero assegnati dal direttore di gara è ancora Elmas a provarci dalla distanza, Fulignati senza problemi blocca il pallone. Su questa azione si chiude la gara con il Napoli che conquista il successo e il passaggio del turno ai quarti di finale, grazie ad una doppietta di Lorenzo Insigne decisivo dagli undici metri.