Eboli, medico accusato di omicidio: Cassazione rinvia al Riesame

La Suprema Corte ha annullato con rinvio il procedimento con cui era stato esclusa l'ipotesi di omicidio volontario. Il dottore Marra, secondo la Procura, avrebbe somministrato volontariamente una dose letale di farmaci a un malato terminale 28enne di Battipaglia.

0
71

Il caso di Alessandro Marra, il medico dell’hospice “Il Giardino dei Girasoli” di Eboli, accusato di aver somministrato una dose letale di farmaci a un malato terminale, torna al Riesame. La Cassazione ha annullato con rinvio il precedente provvedimento.
I giudici del Tribunale del Riesame di Salerno dovranno giudicare nuovamente il medico che, secondo la Procura, avrebbe somministrato volontariamente una dose letale di un farmaco a un malato terminale 28enne di Battipaglia.
La Corte di Cassazione, dopo aver discusso il ricorso presentato dal pm Elena Guarino, ha annullato con rinvio il provvedimento con cui, lo scorso 13 novembre, il Tribunale del Riesame di Salerno aveva escluso l’ipotesi di omicidio volontario, ritenendo che non vi fossero gravi indizi di colpevolezza. In quella circostanza la misura cautelare degli arresti domiciliari era stata sostituita con la misura interdittiva della sospensione dalla professione per gli altri capi d’imputazione.