Ecco il governo M5S-Pd con l’appoggio di Leu

Di Maio agli Esteri, l'ex prefetto di Milano agli Interni, torna Franceschini ai Beni culturali. Speranza ministro della Salute e il napoletano Enzo Amendola agli Affari europei.

0
132

Il nuovo governo M5S-PD con il supporto di Leu è partito. Il premier incaricato Giuseppe Conte ha consegnato la lista dei ministri al presidente della Repubblica Mattarella. Il giuramento avverrà domani alle 10. Tra i nomi, molti nuovi ed esterni al Parlamento, c’è quello di Nunzia Catalfo al Lavoro; Stefano Patuanelli andrà al Mise. Il ministero guidato da Luigi Di Maio viene “coperto” così da due titolari, entrambi grillini. Il capo del Movimento, Luigi Di Maio, siederà sull’ambita poltrona degli Esteri. Sarà ministro dell’Interno l’ex prefetto di Milano Luciana LamorgeseIl ministero dell’Economia andrà al dem Roberto Gualtieri, mentre sarò titolare della Difesa Lorenzo Guerini del Partito democratico. Alla Giustizia è arrivata la conferma di Alfonso Bonafede, mentre del ministero delle Politiche agricole si occuperà Teresa Bellanova, sempre del Pd, così come Dario Franceschini che tornerà ai Beni culturali, con competenze estese anche al settore turismo. Paola De Micheli, attuale vicesegretaria dem, andrà alle Infrastrutture. Roberto Speranza di Leu sarà il nuovo ministro della Salute. All’Istruzione Lorenzo Fioramontimentre Sergio Costa ha ottenuto la riconferma all’Ambiente. Federico D’Inca sarà titolare dei rapporti con il Parlamento. Paola Pisano all’Innovazione. Fabiana Dadone alla Pubblica amministrazione. Francesco Boccia agli Affari regionali. Vincenzo Spadafora allo sport. Elena Bonetti andrà alle Pari Opportinita e il napoletano Enzo Amendola agli Affari europei.
Riccardo Fraccaro, esponente vicino a Di Maio, dovrebbe essere sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, ma al momento la nomina appare ancora in forse.