Festival di Sanremo, si finge “pupillo” di Zavoli per l’accredito

Napoletano indagato per sostituzione di persona. Aveva creato un falso dominio del Senato anche con le mail di Giorgio Napolitano e Domenico Auricchio

0
92

La febbre da Sanremo lo ha contagiato a tal punto da fargli richiedere un accredito falso per conto di Sergio Zavoli, totalmente ignaro della vicenda. Un 43enne di Napoli, al fine di ottenere dalla Rai un accredito per il Festival della canzone italiana, si è preso la briga di attivare un falso dominio denominato “senato.eu”, con diverse caselle di posta elettronica, per fingersi un “pupillo” di Sergio Zavoli, nonché capo del suo ufficio stampa, e ottenere l’ambito accredito. Le indagini sono scattate da una denuncia dei vertici Rai su una sospetta corrispondenza intrattenuta via mail dal sedicente ufficio stampa di Sergio Zavoli in cui veniva chiesto un accredito.
Gli accertamenti svolti dai poliziotti del CNAIPIC (Centro Nazionale Anticrimine Informatico della Protezione delle Infrastrutture Critiche) del servizio Polizia Postale hanno consentito di riscontrare come, non solo qualcuno si stesse spacciando per Zavoli, ma come fosse stato registrato fraudolentemente il dominio ‘senato.eu’ al quale erano associati falsi account di posta elettronica di altre figure istituzionali tra cui le caselle Giorgio.Napolitano@senato.eu, riferibile al presidente emerito della Repubblica e Domenico.Auricchio@senato.eu. Emesso, quindi, un provvedimento di sequestro del dominio e del contenuto di tutte e sei le caselle di posta elettronica associate.
La Polizia Postale e delle Comunicazioni ha eseguito una perquisizione locale e informatica nei confronti del 43enne napoletano, responsabile del reato di “sostituzione di persona” per aver attivato un falso dominio del Senato al fine di ottenere l’accredito per il Festival di Sanremo.  Il provvedimento, emesso dalla Procura di Roma, titolare dell’indagine, ha portato al sequestro di diversi computer e supporti informatici, ben 7 hard disk, utilizzati per l’attività illecita.