Finisce male il 2019: granata sconfitti

Lo Spezia vince 2-1 al Picco: decidono una rete dell'ex Ragusa e di Gysai. Inutile il gol di Jallow che ha riaperto il match, dando solo l'illusione alla Salernitana di poter arrivare almeno al pareggio

0
183

SPEZIA (4-3-3): Scuffet; Ferrer, Terzi, Capradossi, Marchizza; Maggiore, Bartolomei, Mastinu (71′ M.Ricci); F.Ricci (88′ Vignali), Ragusa (76′ Gudjohnsen), Gyasi. A disposizione: Kaprikas, Barone, Acampora, Ramos, Mora, Delano, Reinhart, Benedetti, Buffonge. Allenatore. Italiano

SALERNITANA (3-5-2): Micai; Karo, Billong, Jaroszynski; Lombardi, Akpa Akpro (58′ Di Tacchio), Dziczek, Kiyine, Cicerelli (65′ Cicerelli); Djuric, Gondo (71′ Maistro).. A disposizione: Vannucchi, Lopez, Odjer, Firenze, Kalombo, Heurtaux, Novella. Allenatore: Gian Piero Ventura

Arbitro: Luca Massimi di Termoli

Assistenti: Schirru – Annaloro

IV uomo: Valerio Marini di Roma 1

Reti: 5′ Ragusa (SP), 83′ Gyasi (SP), 84′ Jallow (SA).

Ammoniti: Kiyine (SA), Billong (SA), Terzi (SP), Mastinu (SP), Maggiore (SP), Di Tacchio (SA), Karo (SA).

Si infrange sul palo il tentativo di rimonta della Salernitana, che torna a casa da La Spezia con una sconfitta. Finisce 2-1 al Picco con i liguri che conquistano l’intera posta in palio, grazie ad una rete dell’ex Ragusa, e al raddoppio nella ripresa di Gysai. Inutile il gol di Jallow che ha riaperto il match, dando solo l’illusione ai granata di poter arrivare almeno al pareggio. Partenza terribile per la Salernitana che dopo cinque minuti va subito sotto. Cross dalla sinistra di Mastinu, sponda di Maggiore e conclusione al volo di destro dell’ex Antonino Ragusa che porta in vantaggio i padroni di casa. La reazione dei granata arriva due minuti dopo con Cicerelli che dalla sinistra prova a cercare la testa di Djuric. L’attaccante nel tentativo di battere a rete ostacola fallosamente Scuffet, con l’arbitro che blocca il gioco e assegna un calcio di punizione alla formazione ligure. Lo Spezia continua a spingere e al 16′ va vicinissimo al raddoppio. Traversone di Ricci a cercare Gyasi che trova in tuffo l’impatto con la sfera, ma Micai è provvidenziale respingendo la conclusione con la fronte. La Salernitana prova a rientrare in partita con Gondo, che ruba palla a Capradossi e prova la conclusione. Scuffet respinge senza problemi. Poco dopo la mezz’ora è Cicerelli a sfiorare il pari, con una girata al volo dopo una sponda di Djuric, ma il pallone finisce di pochissimo al lato. E’ un buon momento per i granata che su calcio da fermo, ancora con Cicerelli si rendono pericolosi, ma la palla termina poco distante dal palo della porta di Scuffet. La prima frazione di gioco si chiude con la Salernitana sotto di una rete, realizzata dall’ex Ragusa, nonostante le due occasioni capitate a Cicerelli. La ripresa inizia con gli stessi schieramenti della prima frazione di gioco e con lo Spezia che si rende subito pericoloso con il solito Ragusa. Azione fotocopia del primo tempo, con Mastinu che trova il cross questa volta ad innescare il colpo di testa dell’ex granata, che termina di poco al lato della porta difesa da Micai. Ancora la coppia Ragusa – Mastinu protagonista al 55′ minuto. Traversone dalla destra di Maggiore, l’attaccante non ci arriva per un soffio, ma dietro di lui è posizionato Mastinu che prova il diagonale di potenza che non inquadra la porta. La partita sale di ritmo con le due formazioni che si rendono pericolose. Prima i granata con Kiyine, ma la mira non è delle migliori e poi qualche minuto dopo i padroni di casa con Gyasi che punta Karo, lo salta col un doppio passo ma conclude al lato. Ventura richiama in panchina Akpa Akpro, al suo posto Di Tacchio. Dopo poco il tecnico granata si gioca anche la carta Jallow al posto di Cicerelli, proponendo una Salernitana a trazione anteriore. Il tridente, però, dura appena sei minuti perché Gondo deve abbandonare il campo per un problema fisico, al suo posto entra Maistro. Quando la gara stava stancamente andando in porto con lo Spezia avanti 1-0, in un minuto succede praticamente di tutto. E’ l’83’ quando i liguri grazie ai due fratelli Ricci, costruiscono l’azione che porta al raddoppio. Pallone in profondità per Gysai, che punta ancora una volta Karo mandandolo al bar come nel primo tempo con un doppio passo. Conclusione potente con Micai che ci arriva deviando con la punta del piede, ma la sfera termina lo stesso in rete. Appena sessanta secondi dopo la Salernitana riapre il match. Jallow apre per Lombardi. L’ex Lazio pennella il solito cross perfetto a cercare Djuric che fa la sponda per l’accorrente attaccante gambiano che buca la porta di Scuffet. Nel quarto dei cinque minuti di recupero i granata sfiorano il pareggio. Lombardi, come sempre uno dei più attivi, ci prova con un destro da fuori, ma il pallone si stampa sul palo dopo l’ottimo intervento con la punta delle dita di Scuffet. Dopo cinque minuti di recupero termina la sfida con lo Spezia che si impone con il risultato di 2-1 e conquista l’intera posta in palio. La Salernitana si sveglia tardi e chiude il 2019 con una sconfitta, che non pregiudica il cammino dei granata, ancora in piena corsa per la zona play off.