Frammenti a colori, il pop emozionale di Daniela Vicale

Undici brani inediti più una cover di Mina nell'album dell'artista di adozione cilentana

0
263

Daniela Vicale, casertana di nascita e cilentana di adozione, pubblica “Frammenti a colori” album con sonorità pop, influenzate da musica popolare che ha segnato la sua formazione musicale. Ritroviamo un lavoro che descrive aspetti emozionali della propria vita: la densità e la profondità dei sentimenti, la critica alle contraddizioni della società odierna e uno sguardo al futuro; lasciando all’ascoltatore la possibilità di immedesimarsi, creando un filo sottile, un dialogo costante.
“Frammenti a colori” racchiude 11 inediti più la cover di “Insieme” di Mina. La tua vocalità dà forza a un pop capace di raccontare aspetti di vita, anche personali, in cui l’ascoltatore può riconoscersi. La condivisione può essere concepita come uno dei punti salienti di questo tuo nuovo lavoro?
Senza ombra di dubbio trovo che sia importante raccontarsi. Per un cantautore, credo sia un elemento essenziale. In questo modo non solo si conosce meglio “il pensiero” dell’artista ma è ancor più piacevole come nel mio caso il fatto che in tanti mi dicano di rispecchiarsi nei miei testi o di apprezzare i messaggi di positività presenti in alcuni di essi.
Nel brano “A schermo spento”  c’è una critica a una società che si è chiusa dietro a un monitor, che perde la bellezza del contatto umano. L’utilizzo della tecnologia ha aumentato le distanze tra le persone?
L’avvento dei social doveva permettere di accorciare le distanze: ritrovare persone care, ad esempio vecchi amici di scuola, insomma, sarebbe dovuto diventare un elemento aggiuntivo per consentire a tutti di poter comunicare. Tuttavia, le cose ad un certo punto sono sfuggite di mano. Si è creata una dipendenza, una dimensione virtuale parallela che in alcuni casi sostituisce la vita reale. L’autrice del testo Monia Ridolfi, mia grande amica, si riferisce soprattutto all’utilizzo ossessivo della rete. Alla sostituzione del contatto umano con quello virtuale, freddo e superficiale. Si stanno perdendo i contatti umani, i gesti semplici, un caffè, quattro risate in compagnia. Oggi sei apprezzabile in base ai like e alle visualizzazioni!
Ritroviamo in quest’album il tuo passato, il tuo presente: rimandi alla tua formazione di musica etnica-popolare che si miscela con il pop, la tua carica emotiva e intima con cui ti sei approcciata a questo lavoro: quale valore ha “Frammenti a colori” per il prosieguo della tua carriera?
“Frammenti a colori” è stata una esperienza che ha permesso di tirare fuori la mia vera anima.
 Dopo diversi anni da interprete, in questo album, essendo io in gran parte autrice di quasi tutti i brani, li eseguo con naturalezza, la giusta grinta, insomma li interpreto con le giuste emozioni. Spero che questo album possa raggiungere il cuore delle persone, facendomi apprezzare per quella che sono.