Giovivendo, c’è la maratona musicale in diretta sui social

La pandemia ha fatto spostare il festival cilentano interamente sul web: diretta Facebook da questa sera alle 21

0
95

Il “Giovivendo Festival” si svolge da 10 anni  ogni estate ad Abatemarco nel Cilento, in provincia di Salerno.

La pandemia causata dal Covid-19 ha colpito inesorabilmente anche il settore musicale: concerti, kermesse, festival rischiano di saltare per l’edizione annuale. Durante la stagione estiva, gli eventi musicali sono  appuntamenti fissi per chi decide di fare capolino nel Cilento: dal suo entroterra fino alla zona costiera. Nonostante ciò: Il “Giovivendo Festival” si farà. Ovviamente modificandolo in base all’emergenza causata dal Covid-19: ci sarà una lunga diretta che avrà inizio dalle 21 del 13 Maggio sulla pagina ufficiale di Facebook del “Giovivendo Festival”. In successione ci saranno le performance di vari artisti tra cui spiccano le figure di: Godano, Edda e Kruger. Non solo loro, sul palco virtuale saliranno anche:

Guido Maria Grillo, Denise, Martino Adriani, Johnny Dal Basso, Yes Daddy Yes, Antunzmask, Marat, Mico Argirò, Spina, Will B., L.U.C.E., Luciano Tarullo, Aghél, I dolori del giovane Walter, Plato’s Cave, Lanavetro, Pagliarulo, Barracca Republic, Kyla’s Tales, Roma, Emilio Prinzo e Giovanni Carbone. Sarà un modo per ridurre le distanze con il pubblico del Festival: ricordando la bellezza dei concerti e dei momenti di aggregazione passati, nella speranza e nell’augurio di ritornare a vivere la normalità quanto prima.

A tal proposito, Martino Adriani, cantautore e direttore artistico del Festival, fa il punto su questa inedita edizione via social: “Con questo evento vogliamo riappropriarci del gusto di ascoltare insieme della musica, seppur dal nostro divano, ma uniti, e agitati dalla speranza di ritornare presto ad abbracciarci, sotto o sopra ad un palco! Voglio ringraziare di cuore Cristiano Godano, Lorenzo Kruger, Edda e tutti gli artisti che hanno accolto il mio invito, regalandoci una canzone casalinga e mettendosi a disposizione del progetto con grande generosità. Mi auguro che questo evento possa portare un’ora e mezza di sana spensieratezza e di dolce nostalgia ai tantissimi amici che, negli anni, son passati da Abatemarco per il Giovivendo.”