Granata già con la testa al Cittadella e al Brescia

Nelle prossime gare è vietato sbagliare. Momento difficile per la squadra allenata da Gregucci che è passata in poche gare dal sogno play off ai possibili play out. Ieri turno di riposo per la Salernitana: oggi riprendono gli allenamenti.

0
290

E’ stata una domenica amara per la Salernitana, spettatrice in questo turno di campionato in serie B, a causa del riposo forzato imposto dal calendario. Vincono Ascoli, Cremonese e Cosenza, con queste ultime due che scavalcano in classifica proprio i granata. La graduatoria recita in questo momento: Ascoli 39, Cremonese e Cosenza 38, Salernitana 35. Proprio i calabresi, grazie al successo di misura superano in casa il Crotone, che rimane a 33 punti, due in meno rispetto ai granata di Gregucci. Una situazione, quella della Salernitana, decisamente preoccupante, anche alla luce dei prossimi impegni in programma in calendario. La formazione di Gregucci, infatti, sarà chiamata ad affrontare due squadre di vertice. Cittadella sabato all’Arechi e Brescia sette giorni dopo in trasferta al Rigamonti, sono gli avversari che i granata dovranno affrontare. Due sfide sulla carta impegnative, la prima contro una formazione in piena salute, reduce dal perentorio 4-0 in casa con il Livorno, ed in piena corsa play off e l’altra capolista indiscussa con tre punti di vantaggio sul Lecce secondo e con una gara in meno rispetto ai salentini. In pochi mesi la stagione della Salernitana è cambiata. Dal possibile sogno play off a portata di mano, quasi toccato con le dita, ad una zona play out ormai sempre più vicina. Da ora in poi è vietato sbagliare. Perché dopo quattro sconfitte nelle ultime cinque gare disputate, è arrivato il momento di invertire la rotta e provare a centrare un risultato positivo, che possa finalmente ridare ossigeno ad una classifica ormai preoccupante. I granata riprenderanno questo pomeriggio al centro sportivo “Mary Rosy” la preparazione, con Gregucci che dovrà valutare la condizione fisica di Calaiò, che potrebbe tornare a disposizione proprio per la sfida contro i veneti. Nulla da fare per Schiavi, che non potrà tornare a disposizione prima di un paio di settimane, mentre Bernardini ha praticamente chiuso la stagione.