Il Napoli liquida la pratica Spal e conquista la quinta vittoria consecutiva in campionato

Uno scavetto di Mertens apre le danze, poi arrivano le firme di Callejon e del neo entrato Younes a chiudere il match, dopo il momentaneo pareggio di Petagna

0
100

NAPOLI (4-3-3): Meret; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly (80′ Manolas), Mario Rui (81′ Ghoulam); Fabian Ruiz, Lobotka, Elmas; Callejon (77′ Younes), Mertens (64′ Milik), Insigne (64′ Lozano). A disposizione: Ospina, Luperto, Di Lorenzo, Demme, Zielinski, Politano, Llorente. Allenatore: Gattuso.

SPAL (4-4-2): Letica, Cionek, Vicari, Felipe, Reca (46′ Valoti); Strefezza (75′ D’Alessandro), Missiroli, Murgia (75′ Dabo), Fares; Petagna (80′ Floccari), Cerri. A disposizione: Thiam, Meneghetti, Bonifazi, Tomovic, Sala, Valdifiori, Tunjov, Castro. Allenatore: Di Biagio.

ARBITRO: Pairetto di Nichelino

MARCATORI: 4′ Mertens (N), 29′ Petagna (S), 36′ Callejon (N), 78′ Younes (N).

NOTE: Gara giocata a porte chiuse. Ammoniti Valoti, Fares, Felipe (S). Recupero: 3′ e 5′.

Il Napoli liquida la pratica Spal e piazza la quinta vittoria consecutiva in campionato. Grazie a Mertens, Callejon e Younes gli azzurri battono la formazione ferrarese, in rete con Petagna, prossimo attaccante partenopeo al termine della stagione. Partenza sprint del Napoli che dopo appena tre giri di lancette trova la via del gol. Bellissima azione tutta in verticale degli uomini di Gattuso. Callejon prova a far passare il pallone che viene ribattuto. Il pallone arriva dalle parti di Fabian Ruiz vede un corridoio e lancia Mertens. Il belga parte in posizione regolare dietro la difesa della Spal e con uno scavetto supera il portiere in uscita. Gioco fermo, decide il Var per la possibile posizione irregolare dell’attaccante. Ma dopo qualche minuto la rete viene convalidata, ed è il settimo centro stagionale in campionato per il belga. Pochi minuti ed il Napoli va vicinissimo al raddoppio con Elmas, che prova a piazzare la zampata su assist di Insigne. Gli azzurri giocano a memoria e al 29′ dagli sviluppi di un’azione tutta in verticale, Insigne dal limite colpisce il venticinquesimo palo in stagione. Sul capovolgimento di fronte la Spal trova incredibilmente il gol del pareggio con Petagna, bravo a battere da due passi Meret. Il risultato di parità dura appena sette minuti. E’ il 36′ quando Elmas vince un contrasto, alza la testa e apre a destra trovando il solito taglio di Callejon. Controllo di destro e conclusione con lo stresso piede in diagonale per lo spagnolo, che realizza la terza rete stagionale. Il Napoli prova a chiudere subito il match. Insigne serve dietro per l’accorrente Mario Rui. Conclusione del portoghese deviata in corner provvidenzialmente. I partenopei trovano la terza segnatura in pieno recupero con Insigne. Fabian Ruiz serve Mertens che controlla di petto e serve per l’accorrente Insigne. Il capitano apre il compasso e batte con un rasoterra Letica. Questa volta, però, il Var non premia i partenopei, ma la rete viene annullata per posizione irregolare di Mertens. Finisce praticamente qui la prima frazione di gioco, con il Napoli che torna negli spogliatoi in vantaggio per 2-1. Nella ripresa arrivano i cambi, ma la musica non cambia. Gli azzurri continuano a spingere e al 50′ Insigne in rovesciata chiama Letica all’intervento, con il capitano poi fermato in posizione di offside. Nove minuti dopo azione tutta di prima del Napoli che si distende con facilità. Hysaj che serve in verticale per Mertens. Palla dentro del belga per Callejon che prova la conclusione di prima, blocca senza problemi da Letica. Entra Lozano al posto di Insigne e subito mostra tutte le sue qualità. Lancio in verticale e controllo perfetto del messicano che accelera e mette al centro un ottimo pallone sul secondo palo dove c’è Callejon. Conclusione di prima, ma lo spagnolo ha il corpo troppo dietro e il pallone finisce alto. E’ l’ultima azione per Callejon che lascia il campo ad Amin Younes. Il tedesco al primo pallone subito mette la firma sul match, realizzando la terza rete che chiude definitivamente le velleità di rimonta della Spal. Percussione di Lozano che scambia corto con Fabian. Lo spagnolo alza la testa e pesca l’inserimento perfetto di Younes. Colpo di testa e palla alle spalle di Letica. Primo gol stagionale per il tedesco su sette presenze. Entrano anche Ghoulam e Manolas, con l’algerino che ci prova su calcio di punizione, blocca in due tempi il portiere. Dopo cinque minuti di recupero arriva il triplice fischio del direttore di gara che certifica il successo degli azzurri, che continuano a vincere e a giocare bene, in attesa che avanti qualche squadra possa mollare un po’ la corsa.