Incendio di Sarno, una “bravata” di sei minorenni

Identificati i giovani, ritenuti responsabili di aver appiccato il fuoco alle colline venerdì pomeriggio. Le singole posizioni dei sospettati sono al vaglio dei pm

1
468

Sono quasi tutti minorenni i giovani che venerdì sera hanno appiccato fuoco sulla collina di Sarno. Stando a quanto trapelato dalle indagini, le sei persone avrebbero dato il via all’incendio sulla collina del Saretto per una “bravata”.
Confermate le indiscrezioni trapelate ieri: cinque dei sei giovani sono minorenni. I giovani sono stati tutti identificati e le loro posizioni sono al vaglio della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Salerno e della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nocera Inferiore.  Le singole posizioni dei sospettati sono al vaglio del pm Angelo Frattini della procura dei minorenni di Salerno e del sostituto procuratore Anna Chiara Fasano della procura di Nocera Inferiore.
“Gli elementi allo stato raccolti, derivanti da rilievi tecnici effettuati sul territorio, sequestro di cose pertinenti al reato ed assunzione di informazioni, configurano un quadro indiziario significativo in ordine all’effettivo coinvolgimento del predetto gruppo di giovani nell’origine dell’incendio” – si legge in una nota del comando provinciale dell’Arma.
L’incendio di vaste proporzioni, alimentato anche dal forte vento, aveva costretto il sindaco di Sarno Giuseppe Canfora a evacuare circa 200 persone.

“Chi ha distrutto la nostra terra ‘per uno scherzo’ (così avrebbero motivato tutto), merita di essere identificato, giudicato e condannato nella sua singola responsabilità e non generalizzando – ha detto il sindaco di Sarno commentando la notizia – Confidiamo nella giustizia alla quale chiediamo pene severissime, esemplari, senza sconti, nella piena consapevolezza del grave crimine commesso”.

 

 

1 commento

Comments are closed.