Jomi Salerno, è festa per la Coppa Italia

La compagine salernitana ha battuto il Cassano Magnago al palaEstra di Siena e si è aggiudicata la sesta coppa della storia

0
243
(foto Lazzeroni)

La Jomi Salerno conquista la sesta Coppa Italia della sua storia, battendo per 29-23 il Cassano Magnago al palaEstra di Siena. Sempre avanti la squadra allenata da Laura Avram, decisa a fare suo il prestigioso trofeo. Cassano Magnago, riesce a tenere testa alla avversarie per 25′, ma nella seconda parte della gara, complici anche le energie spese nella vittoriosa gara di semifinale con il Brixen, presta il fianco alla Jomi Salerno. Inizio equilibrato, con Cassano che si affida alla Cobianchi, poi il sette della Avram, grazie alla Gomez, scava il solco e chiude sul +5 (9-14) il primo tempo. Nella seconda frazione di gioco Canziani e Cobianchi, riportano sotto la compagine di mister Bellotti (14-18). Laura Avram chiama time out, chiedendo alle sue una maggiore efficacia in attacco. Landri, Dalla Costa e Gomez ampliano il vantaggio della Jomi (14-21). Il Cassano non riesce a a contenere le tiratrici della squadra campana e Salerno dilaga, con Dalla Costa, peraltro cresciuta nelle fila del Cassano Magnago, in grande evidenza. Mister Bellotti, nel time out chiede alle sue di difendere forte sui terzini, per provare a ridurre il passivo e rientrare in partita. Ferrari non si fa cogliere impreparata a difesa della porta. Landri e Gomez realizzano ancora. Del Balzo trasforma un sette metri e Montoli segna (17-24). Landri interrompe il buon momento del sette lombardo e Dalla Costa, assesta una “bordata” delle sue. Cobianchi ed una ritrovata Barbosu, provano a limitare i danni. Gomez, realizza inesorabilmente. Un rigore di Ponti e un contropiede vincente di Brogi, chiudono di fatto, la partita. La Jomi Salerno vince e convince. A segno per la squadra del presidente Mario Pisapia: Gomez 8, Dalla Costa 5, Stettler e Landri 4, Napoletano 3, Trombetta e Fabbo 2, Bassanese 1.
“La squadra mi deve sopportare e supportare-il commento Laura Avram, al suo primo titolo da allenatrice-non sono un tipo facile, io do “bastonate”, ma ogni cosa, la faccio per il loro bene. Sicuramente, ci saranno ancora altre medaglie da conquistare. Le ragazze hanno attraversato un periodo negativo, ma ne sono uscite perché avevano bisogno solo di qualcuno che credesse in loro e le valorizzasse. Io ho fatto questo, oltre a dare consigli tecnici ed i risultati si sono visti.”
“Sono molto soddisfatta per aver aver conquistato la Coppa Italia-dichiara il capitano Pina Napoletano-siamo venute fuori tutte insieme dal momento no. La vera Jomi è questa: una squadra che sa lottare, impegnarsi e vincere.”