«La Dermatologia deve tornare al Ruggi»

La Fials pronta a portare avanti la sua battaglia in tutte le sedi

0
346

La Fials – Federazione Italiana Autonoma Lavoratori Sanità – di Salerno continua a condurre le sue battaglie. «Battaglie che nel periodo emergenza Coronavirus rivestono una importanza ancora maggiore», ha spiegato il segretario aggiunto Armando Porcelli nel corso di una conferenza stampa tenutasi nella giornata di ieri. Porcelli si è fatto portavoce delle proposte avanzate dal sindacato, tra le quali in primis la riattivazione del servizio di Dermatologia presso l’ospedale di Salerno che la stessa Azienda ospedaliera universitaria “Ruggi D’Aragona” trasferì nel 2017, con un atto aziendale sotto la guida dell’ex direttore Longo, presso l’ospedale di Cava dei Tirreni “Santa Maria dell’Olmo”. «Chiediamo almeno due accessi Dermatologia settimanali a Salerno sia come ambulatorio che come consulenza; il problema è che a Cava, dove le visite non si tengono tutti i giorni, ci sono delle attese lunghissime, inoltre specie in un periodo come quello che stiamo vivendo ed in particolare per le persone anziane lo spostamento è una problematica da non sottovalutare».
Presenti alla conferenza stampa anche il dottor Polichetti, segretario medico, che ha rappresentato il disagio che questo mancato servizio comporta sia per gli utenti ricoverati al Ruggi sia per quanti dall’esterno afferiscono alla struttura. «Vogliamo riportare la presenza del dermatologo al San Leonardo perché l’azienda, anche sede universitaria, non può non essere consapevole e tenere conto delle richieste dell’utenza».
Seconda questione spinosa quella legata all’erogazione delle prestazioni in convenzione. «Stiamo lavorando per fare in modo che non venga bloccato il convenzionamento esterno, per garantire all’utenza una continuità di servizio anche in vista di una probabile ripresa Covid autunnale; le prestazioni in regime di convenzione sono più che mai importanti in un periodo di crisi che è anche economica, ci dobbiamo preparare ad un autunno con problematiche ben più complesse dello stato attuale più o meno stabilizzato, dobbiamo fare un lavoro di prevenzione» ha spiegato Polichetti.
Sembrerebbe che 22 milioni siano già stati stanziati dalla Regione come manovra tampone ma non sono sufficienti. «Come Fials chiediamo che le prestazioni vengano garantite per tutto il 2020 senza interruzioni, con una ripresa dell’attenzione del problema Covid potrebbe esserci un’ulteriore stretta negli ospedali con conseguente chiusura degli ambulatori, se l’utente sarà costretto a pagarsi tutte le prestazioni sarebbe la beffa oltre al danno – ha continuato Porcelli -La Regione probabilmente bloccherà le erogazioni a ottobre per sopraggiunto tetto massimo dei fondi, proprio come ogni anno; l’anno scorso per esempio il blocco è stato di 3 mesi, immaginiamo esami di biologia molecolare che costano fino a 400 euro a ricetta, o tac e risonanze, importantissimi esami di prevenzione e diagnosi, sono costi insostenibili in un periodo di fermo economico».
Il dottor Gaetano Gambino dell’Aisic – Associazione Imprese Sanitarie in Campania- ha già affrontato la questione. «Siamo riusciti ad ottenere preventivamente con la delibera di Giunta 450 una integrazione del tetto massimo che però al momento risulta insufficiente per arrivare a fine anno, contiamo di ritornare alla carica a settembre per trovare altri soldi nel bilancio regionale ed affrontare un problema che si trascina da diversi anni. Noi abbiamo, come associazione di categoria, una visione regionale e possiamo dire che ci sono aree in estrema sofferenza: già da oggi stesso la Cardiologia su Napoli 1 ha iniziato il blocco delle erogazioni in convenzione; è dal 2003 che non si riesce ad arrivare a fine anno. La Regione fa quello che può, essendo anche vincolata dalla spending review ministeriale, per cui i 22 milioni serviranno soltanto a dare un po’ di ossigeno a quelle branche che erano e sono in completa sofferenza, riuscendo almeno a recuperare un altro mese di attività».

(Dal Quotidiano del Sud di Salerno-L’ALTRAVOCE della tua Città)