La rete salernitana di Adolfo Greco

Inchiesta Olimpo 3. n un’intercettazione si parla del vice governatore Bonavitacola (non indagato)

0
434

Inchiesta Olimpo 3, nelle carte c’è il capitolo sull’intervento di Adolfo Greco in campagna elettorale, per le regionali 2015. Dopo aver dichiarato il suo voto per Stefano Caldoro (non indagato) nel 2010, stavolta l’imprenditore stabiese – ritenuto il burattinaio del presunto sistema corruttivo – si mostra prudente. Almeno all’inizio. «Emblematica a questo riguardo – si legge nell’ordinanza del gip di Torre Annunziata -è una conversazione captata con Paola Ravallese (non indagata, ndr), imprenditrice che gestiva Villa Poseidon in Salerno e madre di Tristano Dello Ioio (non indagato, ndr), nominato nel 2017 dal Governatore Vincenzo De Luca presidente dell’Ente Parco dei Monti lattari». La Ravallese invita Greco ad un incontro lettorale con De Luca, quando però non è ancora deciso il candidato del centrosinistra. De Luca, infatti, deve sfidare Andrea Cozzolino alle primarie. L’imprenditore – condannato negli anni ’80 per favoreggiamento reale al boss Raffaele Cutolo – spiega all’interlocutrice «che non avrebbe presenziato in quanto non solo non voleva esporsi prima che fosse stata formalizzata la candidatura alle Regionali (…) ma anche in ragione della necessità di portare a compimento l’operazione in cui era impegnato per l’area ex Cirio, di cui la Ravallese mostrava di avere notizia». Nel corso del colloquio, parlando di temi politici, spunta il nome del futuro vicepresidente della Regione, Fulvio Bonavitacola (non indagato, ndr).
«Viene spesso da noi» dice Greco. Intende all’hotel Holiday Inn di Cava dei Tirreni, gestito da una sua società. Lì Bonavitacola, secondo l’imprenditore, si incontrerebbe «con Giovanni». Giovanni è l’imprenditore salernitano Lombardi (non indagato), socio di minoranza nella Flow 2000, con Greco. Degli incontri con Bonavitacola, irrilevanti per l’inchiesta, non risultano altri riscontri. «Nel prosieguo della campagna elettorale – specifica l’ordinanza – Greco abbandonava la sua posizione prudente e forniva aperto sostegno alla coalizione di centro destra».

(Dal Quotidiano del Sud di Salerno-L’ALTRAVOCE della tua Città)