La Salernitana fa centro a Cosenza ed è in testa alla classifica

Nel finale forcing dei calabresi che provano in tutti a modi a riportare la gara sui binari della partita, ma i granata si coprono bene e portano a casa una vittoria importantissima

0
351

Cosenza (3-4-2-1): Perina; Idda (34′ Kone), Monaco, Capela; Corsi (21′ Moreo), Kanoute, Bruccini, Legittimo (1′ st Bittante); Carretta, Baez; Pierini. A disposizione: Saracco, Broh, Schiavi, Trovato. Allenatore: Piero Braglia.

Salernitana (3-5-2): Micai; Karo, Migliorini, Jaroszynski; Cicerelli (41′ st Kalombo), Akpa Akpro (24′ st Maistro), Di Tacchio, Firenze, Kiyine; Djuric, Jallow. A disposizione. Vannucchi, Russo, Lopez, Odjer, Calaiò, Pinto, Dziczek, Musso. Allenatore: Gian Piero Ventura.

Reti: 48′ st Firenze (S)

Arbitro: Minelli di Varese

Assistenti: Grossi e Lombardi

IV uomo: Carella di Bari.

Ammoniti: Legittimo (C), Cicerelli (S), Jallow (S), Firenze (S), Monaco (C), Idda (C), Jaroszynski (S).

Note: 9964 spettatori presenti di cui 855 ospiti. 41′ st espulso Braglia per proteste. Angoli: 3-1. Recupero: 1′ st e 7′ st.

La Salernitana supera il Cosenza in trasfera e vola a punteggio pieno in classifica. Una rete di Firenze ad inizio ripresa, basta agli uomini di Ventura per portare a casa i tre punti, ma che brividi nel finale per la doppia traversa colpita da Bruccini e Carretta. Buona partenza del Cosenza, che al 5′ si rende subito pericoloso con Carretta, direttamente da calcio di punizione. La risposta di Micai è perfetta, e palla respinta con i pugni. Ancora padroni di casa pericolosi al 14′ minuto, questa volta dagli sviluppi di un corner. Micai è bravo a respingere il pallone e ad innescare il contropiede granata. Jallow serve Kiyine che però viene fermato dalla retroguardia calabrese. I granata spingono e al 22′ provano a rendersi pericolosi con una buona verticalizzazione. Ottima la chiusura in tackle dell’ex Salvatore Monaco, che chiude la strada a Djuric lanciato a rete. Il Cosenza sfiora la rete del vantaggio al 27′ minuto. Dagli sviluppo di un fallo laterale di Corsi, Carretta appoggia un assist perfetto per l’accorrente Pierini. Conclusione potente e miracolo dell’estremo difensore granata Micai, che gli nega la gioia del gol alla punta calabrese. Nella ripresa la Salernitana parte subito forte e dopo tre giri di lancette trova il gol del vantaggio. Cicerelli va via in velocità, servizio perfetto per Firenze che supera Perina e gela lo stadio di Cosenza. Calabresi frastornati e granata che al 52′ sfiorano il raddoppio. Buco della retroguardia di casa, Jallow si ritrova tutto solo a tu per tu con Perina, ma l’estremo difensore calabrese lo ipnotizza e sventa la minaccia. Il Cosenza spinge alla ricerca del gol del pareggio che sfiora in due occasioni al 74′ quando colpisce una doppia traversa, prima con Cruccini e poi con Carretta. Nel finale forcing dei calabresi che provano in tutti a modi a riportare la gara sui binari della partita, ma la Salernitana si copre bene e porta a casa una vittoria importantissima, sofferta e allo stesso tempo preziosa per il morale e per la classifica.