L’ex Bocalon: “Ci teniamo a fare bottino pieno”

L'attaccante, che a gennaio ha lasciato la Salernitana per tornare tra le fila dei lagunari, parla della sfida in programma sabato e del suo passato in granata: "A Salerno sono stato bene. Sarà una gara molto complicata perché anche loro sono in un buon momento"

0
316
Bocalon, ex granata a segno oggi con la maglia del Venezia

E’ senza dubbio uno degli ex più attesi di questa sfida, Riccardo Bocalon che a gennaio scorso ha lasciato la Salernitana per tornare nella sua città e nella squadra che lo aveva lanciato. A Venezia l’attaccante ha subito ritrovato l’aria di casa, mettendosi al servizio della squadra, nonostante la sciagurata stagione scorsa. La punta, che con la casacca granata ha realizzato 19 reti, ha presentato la sfida del Penzo e ha parlato della sua avventura a Salerno. “A Salerno sono stato bene, mi hanno fatto sentire a casa e mi hanno dato la possibilità di riaffacciarmi in serie B dopo molto tempo. Parlando della partita, sarà molto complicata perché anche loro sono in un buon momento, però noi andremo in campo come sempre per fare il nostro gioco e per fare del nostro meglio per vincere. I play out sono già stati dimenticati visto il nostro inizio di campionato, e di questo va dato il merito al mister ed al direttore sportivo Lupo, che hanno creato un gruppo con tanto entusiasmo. Sarà una partita importante per continuare nel nostro cammino positivo”. L’attaccante ha parlato anche del buono momento attraversato dalla squadra, reduce dal buon test infrasettimanale con l’Udinese. “I complimenti ricevuti in occasione dell’amichevole con l’Udinese fanno sempre piacere, anche se come ha detto mister Dionisi più che il risultato interessava sia a noi che all’Udinese mettere minuti nelle gambe, soprattutto per quei giocatori che fino a questo momento hanno giocato poco. Il mister ha adottato varie soluzioni ad Udine, anche davanti le alternative non mancano, dobbiamo continuare su questa strada, che è quella giusta”. Bocalon, poi, parla dell’ultima sfida in ordine di tempo, disputata dai lagunari a Cosenza, e del buon punto portato a casa su un campo difficile. “A Cosenza dopo il gol subito abbiamo avuto una reazione importante e non è la prima volta, ciò che probabilmente dobbiamo migliorare invece è la fase realizzativa, perché teniamo molto palla ma dobbiamo cercare di essere più incisivi sotto porta creando più pericoli. In spogliatoio si respira un’aria positiva, sappiamo che non abbiamo fatto ancora nulla e che probabilmente ci manca qualche punto e cercheremo di andare a prendercelo, ci teniamo a fare bene in casa ed a fare bottino pieno”.