Lite con colpi di pistola all’ospedale: arrestato un uomo

Si tratta del padre di un medico che ieri si è precipitato in ospedale a Cava de' Tirreni dopo un'aggressione subita dal figlio. L'uomo è ritenuto responsabile di porto abusivo di arma comune da sparo e lesioni personali aggravate

0
467

E’ stato arrestato l’uomo che ha sparato al pronto soccorso dell’ospedale di Cava de’ Tirreni nel pomeriggio di ieri. L.A. – queste le sue iniziali – è stato tratto in arresto nel corso della notte dai Carabinieri del Reparto territoriale di Nocera Inferiore. L’uomo è ritenuto responsabile di porto abusivo di arma comune da sparo e lesioni personali aggravate. La persona arrestata è il padre di un medico. Dalle indagini è emerso che il padre del medico si è precipitato in ospedale a Cava in seguito a un’aggressione subita dal figlio da parte di un uomo che pretendeva di restare in corsia per assistere agli accertamenti cui era sottoposto un suo parente. E’ stato denunciato, inoltre, S.P. per lesioni personali aggravate in danno dell’arrestato.
La lite al Pronto soccorso dell’ospedale “Santa Maria dell’Olmo” ieri aveva causato due feriti.  Per un mancato ricovero c’era stata una forte colluttazione ed erano stati esplosi anche due colpi di pistola che avevano ferito due persone, sottoposte a intervento chirurgico.
Sull’episodio continuano a indagare i Carabinieri e la Polizia.
In riferimento a quanto accaduto, l’azienda ospedaliera “Ruggi”, di cui fa parte il nosocomio di Cava de’ Tirreni ha precisato di attendere “l’esito delle indagini in corso da parte dell’Autorità Giudiziaria, precisando che la Direzione Commissariale ha prontamente attivato il servizio ispettivo aziendale”.