Maltrattamenti in famiglia, cingalese arrestato a Fratte

L’uomo già in passato si era reso responsabile di analoghi episodi di violenza nei confronti della consorte e per i quali era stato già arrestato dalla Polizia ma, ciò nonostante, la convivenza familiare era stata ripristinata per volere di entrambi

0
207

Gli agenti della Polizia erano giunti in una abitazione di Fratte su segnalazione di una lite in famiglia. Alla vista degli agenti, un uomo, 34 anni, di nazionalità cingalese, non solo non ha fermato la propria condotta violenta, ma ha continuato  a ingiuriare la moglie  e a scagliare sul pavimento diversi oggetti tentando addirittura di colpire la consorte, sferrandole alcuni calci. Gli agenti, giunti sul posto, con prontezza, riuscivano ad evitare che la donna riportasse gravi lesioni, e contestualmente, bloccavano il soggetto che nel frattempo si era scagliato anche contro gli operatori intervenuti.
Nella tarda serata di ieri, 11 aprile, gli agenti della Polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale – Sezione Volanti hanno tratto in arresto, R.M.S., cittadino regolare sul territorio dello stato, responsabile di maltrattamenti in famiglia ai danni della moglie, sua connazionale, e resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo già in passato si era reso responsabile di analoghi episodi di violenza nei confronti della consorte e per i quali era stato già arrestato dalla Polizia ma, ciò nonostante, la convivenza familiare era stata ripristinata per volere di entrambi. Gli agenti hanno poi condotto l’arrestato preso gli uffici della Questura ponendolo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa dell’udienza di convalida.