Migranti annegati, canzone omaggio da poliziotto di Salerno

L’agente Angelo Forni, con il collega romano Fabio Sgrò, firma il singolo “La Pagella”. Il brano, presentato domani al Comune di Salerno, si ispira alla storia di un 14enne del Mali, morto in una delle più gravi tragedie del mare. Sul suo cadavere fu ritrovata la pagella scolastica

0
344

Un poliziotto di Salerno, Angelo Forni, ed un collega, mettono in musica il dramma dei barconi di migranti. Si chiama “La pagella”  il singolo scritto e musicato dal duo “Segni distintivi”, composto da Forni e dall’altro agente Fabio Sgrò. Uno è salernitano, in servizio a Napoli, l’altro romano, di stanza a Milano. Li accomunano la passione per la musica e la sensibilità per le stragi in mare. Oltre la scorza della divisa, dove l’umanità pulsa, di fronte a tragedie epocali. La “pagella” racconta una storia emblematica, quella di un 14enne del Mali, annegato in un’ecatombe da più di mille vittime. Era il 18 aprile 2015, quando il Mediterraneo restituiva il suo corpo senza nome. Una vita ignota, come altre migliaia, nel cimitero degli abissi marini. Ma un dettaglio la rapiva all’indifferenza: una pagella scolastica piegata con cura, cucita nella tasca del ragazzino. Una speranza inghiottita dal destino, navigando verso le tenebre, con un bagaglio di dignità. A rivelare tutto era l’autopsia, eseguita dall’anatomopatologa Cristina Cattaneo. Il brano – prodotto da Bit & Sound Music di Tino Coppola – si presenta domani 10 dicembre, alle 11, presso la Sala del Gonfalone del Comune di Salerno. E tra Salerno e Vietri sul Mare è anche girato il video della canzone. Il singolo anticipa l’uscita del primo album di Forni e Sgrò, in programma a fine gennaio 2020.