Musica, ritmo e il ricordo di Pino Daniele: sold out per Senese

L'esibizione di Senese e Napoli Centrale ha ufficialmente aperto il Salerno Pop & Jazz Festival ieri sera al Teatro Augusteo. I concerti live proseguiranno questa sera con il ricordo a Pino Mango, e domenica con il Kurt Rosenwinkel Standards Trio

0
426

Ufficialmente aperto il sipario del Teatro Augusteo per la nona stagione del Salerno Jazz&Pop Festival. 
Fortemente voluto dal Conservatorio G. Martucci di Salerno, con il patrocinio del Comune, l’evento si articola in una tre giorni di live che proseguiranno questa sera con il ricordo a Pino Mango, e domenica con il Kurt Rosenwinkel Standards Trio.
Edizione all’insegna della contaminazione quella introdotta ieri sera dalla pluripremiata ensemble di James Senese & Napoli Centrale, protagonisti indiscussi di due ore intense di puro spettacolo.
 Agostino Marangolo (batteria), Ernesto Vitolo (tastiere e sintetizzatore), Gigi De Rienzo (basso) e Senese (voce e sax) si sono resi interpreti di generi, gusti e sonorità eclettiche, senza bisogno di eccedere – come solo i professionisti sanno fare: un Bon voyage partito dall’imprescindibile jazz, a Napoli, passando per i ritmi più variegati del reggae, della bossa, scale armoniche dall’immediato riferimento all’oriente per poi far ritorno all’alveo d’ispirazione partenopeo.
 Palpabile intesa attraversata da sottile ironia gli ingredienti essenziali dell’atmosfera sul palco, che si è fatta toccante nel ricordo di Pino Daniele: “Poco tempo fa, se n’è andato nostro fratello Pino Daniele… Ogni tanto mi viene a trovare e mi chiede: Cantami Chi tene ‘o mare” – ha confidato Senese, dando vita ad un omaggio sentito, ma mai manchevole di reinterpretazioni dell’artista scomparso nel 2015.
Poche parole, molta musica, occhi chiusi e ritmo nelle vene hanno generato un’onda d’energia che ha reso l’intero Augusteo (sold-out) attento e silente, regalando a Salerno un concerto senza dubbio imperdibile.