Navigator, boom di domande in Campania

Sicilia e Campania si contendono il posto di regioni con il maggior numero di domande nei primi cinque giorni. I dati sono parziali: sarà possibile candidarsi entro l'8 maggio. I dati nazionali: 16.773 candidati per 3mila posti

0
393

A cinque giorni dalla pubblicazione del bando sono 2.475 le candidature in Campania per i 471 posti da navigator.
Le candidature possono essere inviate entro e non oltre le ore 12 dell’8 maggio 2019.
La Campania è la seconda regione in classifica: la prima è la Sicilia con 2.477 candidati. al terzo posto il Lazio con 2.236, la Puglia con 2.004 e la Calabria, dove i candidati a oggi sono 1.497. I primi dati vengono direttamente da Anpal: fino alle 2 di questa notte i candidati sono più di 16mila in tutta Italia. 16.773 candidati per 3mila posti.
Gli aspiranti Navigator – che si sono iscritti sulla piattaforma realizzata in collaborazione con Inps usando una come credenziali il Pin Inps, lo Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale) e il Cns (Carta Nazionale dei Servizi) – posseggono soprattutto la laurea magistrale in Giurisprudenza, sono infatti 5781 i laureati in questa disciplina; seguono Scienze economico-aziendali con 2521, Scienze della politica con 1503, Scienze dell’economia con 1441 candidati.
Il Navigator sarà la figura centrale dell’assistenza tecnica fornita da Anpal Servizi ai Centri per l’Impiego, selezionata e formata per supportarne i servizi e per integrarsi nel nuovo contesto caratterizzato dall’introduzione del Reddito di Cittadinanza, per il quale l’obiettivo è di assicurare assistenza tecnica ai Centri, valorizzando le politiche attive regionali, anche in una logica di case management da integrare e da implementare con le metodologie e tecniche innovative che saranno adottate per il Reddito di Cittadinanza.
I contratti sono a termine: l’incarico di collaborazione avrà durata fino al 30 aprile 2021 e un compenso lordo annuo pari a euro 27.338,76 oltre euro 300 lordi mensili a titolo di rimborso forfettario delle spese per l’espletamento dell’incarico, quali spese di viaggio, vitto e alloggio.
La media è di circa 3mila candidature al giorno: le previsioni sono di circa 100-150mila richieste, ma dopo una prima ‘selezione’ per titoli saranno ammessi al test a risposta multipla circa 60mila candidati. In pratica 20 aspiranti tutor per ogni contratto in ballo.