Navigator, vincitori di concorso e nessuna assunzione

Continua il presidio permanente sotto la sede della Regione Campania. Francesco Giordano, giovane navigator salernitano: "Molto stress e depressione per un epilogo difficile da immaginare"

0
367

«Molto stress e depressione». Così descrive il proprio stato Francesco Giordano, un giovane avvocato di Salerno, tra i 471 vincitori campani del concorso per navigator. «Fino ad oggi ritenevo impossibile pensare che – racconta – vincendo un concorso non si avesse la possibilità di essere assunti. Psicologicamente è stata una brutta batosta quella che ci ha riservato il governatore De Luca». Tuttavia, il navigator salernitano non perde la speranza: «Siamo fiduciosi che l’intesa possa essere raggiunta in breve tempo». Intanto, continua il presidio permanente sotto il palazzo della giunta regionale. Oggi un gruppo dei vincitori della selezione ha sfilato in corteo da Santa Lucia alla prefettura di Napoli. Una delegazione è stata ricevuta dal prefetto Massimo De Stefano, il quale invierà una relazione al ministro dell’interno Salvini e a quello del lavoro Di Maio. Dall’incontro, filtra la volontà del governo di trovare una soluzione. Magari anche bypassando lo scoglio della Regione, dove il governatore De Luca resta fermo sulle sue posizioni, e non intende firmare la convenzione con l’Anpal. Senza l’intesa, i navigator campani non possono sottoscrivere il contratto con l’Agenzia nazionale, e avviare l’orientamento professionale dei percettori del reddito di cittadinanza. Un’attività incardinata nei centri per l’impiego, gestiti dalla Regione.