Noemi è sveglia. Arrestati i due killer di piazza Nazionale

Presi nella notte: si tratterebbe di due appartenenti a un clan della zona orientale di Napoli. Ieri sera commovente manifestazione di solidarietà sotto le finestre del Santobono

0
212

Noemi è sveglia. Pochi minuti fa l’annuncio, tra la commozione, è stato dato dal dg del Santobono.
Arrestati stanotte i due presunti sicari che, nel corso di un raid punitivo contro un esponente di un clan rivale, una settimana fa hanno ridotto in fin di vita la piccola Noemi, in piazza Nazionale, nel centro di Napoli.
Uno degli arrestati si chiama Armando Del Re ed è residente nel quartiere di Montesanto, a ridosso della centralissima via Toledo. L’altro fermato è il fratello che sarebbe stato suo complice e che ora è stato portato nella caserma dei Carabinieri ‘Pastrengo’ di Napoli.
Gli inquirenti li ritengono i responsabili della sparatoria del 3 maggio a piazza Nazionale.
I Del Re sono figli di un capo di un gruppo camorristico: il padre Vincenzo, detto “la Pacchiana” è detenuto per traffico di droga ed è considerato legato al clan Di Lauro di Secondigliano. Armando Del Re risiede nel quartiere Monterosa, tra Scampia e Secondigliano ma è stato arrestato a Siena mentre stava andando a svolgere un colloquio in carcere con uno dei familiari detenuti, forse proprio con il padre. Del Re è stato fermato nell’autogrill nel comune di Rapolano Terme, lungo la Siena-Bettolle; non era armato. Secondo quanto si apprende al momento dell’arresto con lui in macchina c’erano la madre e la sorella.
Ieri, in serata, una folla di napoletani si è raccolta sotto le finestre del Santobono, ospedale nel quale Noemi è ricoverata, per testimoniare la propria solidarietà e gridare no alla camorra e alla violenza di strada.