Occhio all’intestino

L’apparato gastroenterico è quotidianamente in contatto con gli agenti esterni al nostro corpo ed è direttamente implicato nel mantenimento delle difese immunitarie.

0
191

L’apparato gastroenterico è quotidianamente in contatto con gli agenti esterni al nostro corpo ed è direttamente implicato nel mantenimento delle difese immunitarie. Il nostro intestino coi linfonodi mesenterici, le cellule linfoidi e soprattutto le placche di Peyer, che ne costituiscono la centrale operativa, è capace di stimolare linfociti T e B, cellule in grado di generare anticorpi, che migrando dai linfonodi mesenterici al circolo linfatico e a quello sanguigno, possono raggiungere ogni distretto organico creando reazioni immunitarie a distanza. Questo ci spiega come infezioni, allergie e intolleranze alimentari possono avere ripercussioni su organi diversi dall’intestino stesso. La flora batterica intestinale, quello che oggi si definisce il microbiota è caratterizzata dalla presenza di batteri amici, che agiscono da modulatori per la risposta immunitaria da parte delle cellule linfocitarie presenti nell’apparato gastroenterico. I microrganismi presenti nel nostro intestino degradano le sostanze permettendo assimilarle; ci difendono dagli attacchi di patogeni, aumentano o diminuiscono l’efficienza del nostro sistema immunitario. Quando il microbiota si squilibra, si manifestano disturbi gastrointestinali e malesseri stagionali e il sistema immunitario si indebolisce: non è più in grado di neutralizzare virus, batteri e/o tossine. I consigli per mantenere una buona salute dell’intestino e quindi tutto il corpo sono:
– assunzione quotidiana di frutta e verdure ben masticate che, oltre ad apportare vitamine e sali minerali, per il contenuto di alcune fibre sostengono la formazione di bifido batteri e lactobacilli, amici del nostro intestino;
– assunzione abbondante di liquidi tiepidi non zuccherati (infusi di finocchietto, camomilla, anice oppure brodi magri o vegetali)
– camminare di continuo almeno mezz’ora al giorno per aiutare anche la regolarità intestinale.