È morto precipitando da un’impalcatura in corso di montaggio in via Pisa, nella zona del Vasto a Napoli. La vittima è un operaio di 48 anni, originario di Ercolano. L’uomo stava lavorando al terzo piano di un edificio, impegnato nell’allestimento di un ponteggio necessario all’effettuazione di alcuni lavori di manutenzione, quando per motivi ancora da accertare ha perso l’equilibrio precipitando in strada. Inutili i soccorsi, l’uomo è morto sul colpo. Le indagini sono state affidate alla Polizia di Stato.

“Questa regione, maglia nera in Italia per morti sul lavoro,  – dice segretario generale della Fillea Cgil Campania, Enzo Maio, commentando l’incidente di oggi – non può più restare inerme di fronte all’ennesima tragedia sul lavoro. Istituzioni, parti sociali, datoriali e dei lavoratori, organi ispettivi e di controllo, forze dell’ordine, devono fare squadra per combattere assieme tutti i giorni sul territorio illegalità e diritti negati, perché ogni vita salvata sarà una meta straordinaria per ognuno di noi. Questa è una nuova brutta storia che si ripete incessantemente in un settore è diventato ormai luogo più che di malcostume, di illegalità diffusa, spesso autorizzata dallo stesso Stato”.