Otto contagiati, mini zona rossa a Mondragone

Il governatore della Regione obbliga a restare in casa i residenti di quattro edifici nel cosiddetto rione ex Cirio

0
370

Zona rossa a Mondragone, nel Casertano, per i residenti di quattro edifici di case popolari. Nel cosiddetto complesso “ex Cirio”, dopo la rilevazione di otto positivi al Covid-19, un’ordinanza del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, fa scattare la zona rossa. Intanto, è in corso lo screening della Asl di Caserta sui circa 700 abitanti, in prevalenza immigrati e in gran parte di origine bulgara.
Fino al 30 giugno, salvo proroghe, i residenti di questi edifici – «fortemente popolati e in condizioni di alta promiscuità», si legge nell’ordinanza – dovranno rimanere in isolamento domiciliare: il Comune provvederà a fornire loro derrate alimentari. Forze dell’ordine ed esercito vigileranno sul rispetto della quarantena. Nel frattempo in tutto il comune di Mondragone torna l’obbligo di indossare la mascherina, anche all’aperto, fino al 30: prescrizione che da oggi non è più valida nel resto della regione.