Paganese, riammissione ancora in bilico

Sono scaduti a mezzanotte di ieri i termini per la presentazione delle domande di iscrizione in serie C. Saltano Albissola, Siracusa e Lucchese. Foggia e Arzachena presentano domande incomplete. Il punto tra riammissioni e ripescaggi

0
1448

La riammissione della Paganese in serie C è ancora in bilico. E lo sarà presumibilmente fino a metà luglio.
Sono scaduti alla mezzanotte di ieri, 24 giugno, i termini per la presentazione delle domande di iscrizione al prossimo campionato di serie C. Non hanno presentato domanda Albissola, Siracusa e Lucchese. Poche le speranze per Arzachena e Foggia che – nonostante le regole siano diventate più restrittive senza possibilità di deroghe o proroghe – hanno consegnato un plico incompleto poco prima del termine ultimo. All’Arzachena mancherebbe la fideiussione necessaria per l’iscrizione; più controversa la questione del Foggia: l’incartamento presentato dalla società pugliese sarebbe in regola per la Lega e non per la Figc: manca il pagamento degli stipendi a tutti i tesserati nel mese di maggio. Secondo indiscrezioni al plico del Foggia mancherebbe anche una parte della quota per l’iscrizione.
Per le domande non presentate scattano le riammissioni secondo la classifica delle cosiddette squadre virtuose: Virtus Verona, Alma Fano e Bisceglie sono già con un piede in C. In bilico la Paganese, quarta nella graduatoria delle virtuose che sarebbe di fatto penalizzata dalla presentazione delle domande incomplete di Foggia e Arzachena.

Riammissioni e ripescaggi. Se le domande incomplete di Foggia e Arzachena fossero considerate assimilabili a quelle non presentate, si libererebbe anche il posto per la Paganese; altrimenti, dopo le verifiche del caso, scatterebbero i ripescaggi.
Nella graduatoria dei ripescaggi la Paganese è seconda alle spalle del Cerignola. Ma il ripescaggio richiede anche il pagamento di una cifra a fondo perduto da aggiungere alla fideiussione necessaria per l’iscrizione.
Sulla questione riammissione e ripescaggi si saprà di più ai primi di luglio: tra il 3 e il 4 luglio si riunirà la Covisoc per visionare le domande presentate e per ravvisare eventuali contestazioni. Il 5 luglio scade il termine per la presentazione delle domande di riammissioni e ripescaggi. Entro il 12 il Consiglio Federale deciderà sulle società bocciate, quelle da riammettere e ripescare.

Se il Venezia torna in B. Resta da chiarire ancora la situazione del Palermo, che potrebbe non risultare iscritto al prossimo campionato di serie B per un ritardo nella presentazione della fideiussione. In questo caso, in serie cadetta tornerebbe il Venezia, lasciando libero un altro posto in serie C. E un altro eventuale posto in LegaPro dovrebbe essere riempito con riammissioni o ripescaggi.