Pagani come Roma, Malik racconta la “deportazione”