Pagani, gli alunni del Liceo alla masterclass del Cern di Ginevra

Dieci studenti hanno partecipato, assieme ad altri trenta giovani campani, all'evento di formazione che si è svolto all'Università di Salerno. I risultati delle elaborazioni sono stati condivisi tramite una web conference con dipartimenti di Fisica di altre città del mondo in cui altri studenti hanno effettuato attività analoghe e con il Cern di Ginevra

0
460

Dieci studenti del Liceo Mangino di Pagani hanno partecipato alla prima edizione di “International Masterclass-Hands on particle Physics”. La masterclass è organizzata dal Cern di Ginevra, dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dal Dipartimento di Fisica “Caianello” dell’Università al Salerno e dal team di scienziati che lavora all’esperimento “Alice”, la cui struttura è ubicata al Cern.
Gli studenti del liceo nel mese di febbraio hanno già visitato la struttura di Ginevra e ieri hanno avuto l’opportunità di partecipare a una vera e propria azione di elaborazione e analisi dei dati trasmessi da “Alice”. “Alice” – acronimo di A Large Ion Collider Experiment at CERN LHC – è un progetto portato avanti da una collaborazione di un migliaio di ricercatori appartenenti a 86 istituti di 29 paesi diversi. Lo studio è concentrato sulla formazione (seppure su un volume minimo, confrontabile con quello di un nucleo atomico, e per un istante infinitesimo) delle “gocce” di materia primordiale e fornisce un’idea di come si comportasse la materia immediatamente dopo il Big Bang.
Le attività seguite dagli studenti del Liceo Mangino di Pagani e di altri trenta studenti di licei campani sono state organizzate dalla professoressa Annalisa De Caro, docente associato dell’Università di Salerno e dal team di ricercatori e docenti che collabora con il CERN di Ginevra. Ieri gli allievi del liceo hanno partecipato a una lezione sulla Fisica delle Particelle Elementari a cura del Professore Tiziano Virgili i e alla Lezione sulle Particelle ‘Strane’ a cura del Professore Cristiano Bozza; al termine delle lezioni gli studenti hanno interagito con i ricercatori e i professori presenti chiarendo e approfondendo gli argomenti proposti. Nel pomeriggio, le attività pratiche nel laboratorio di Fisica computazionale.
Tutti i risultati delle elaborazioni sono stati condivisi tramite una web conference con altri dipartimenti di Fisica di altre città del mondo in cui altri studenti hanno effettuato con altri ricercatori, professori, e scienziati attività analoghe. Il collegamento è stato un momento di vero lavoro di gruppo a livello mondiale: gli studenti di varie nazionalità hanno scambiato informazioni, impressioni; si sono confrontati tra loro sul lavoro svolto con il software di Alice, e con i gli scienziati del Cern collegati anche loro via web. Da Ginevra è stato anche proposto un test finale sui temi trattati che gli studenti hanno risolto brillantemente.