Pagani, si torna al voto in primavera

La Prefettura di Salerno ha ufficializzato la decadenza di Gambino, avallando di fatto la tesi della maggioranza secondo cui Consiglio, giunta e vicesindaco resteranno in carica fino alle prossime amministrative

0
164

A Pagani si torna al voto in primavera. La Prefettura di Salerno ha ufficializzato oggi la decadenza dalla carica di sindaco di Alberico Gambino e ha avviato lo scioglimento del consiglio comunale della città.
Nella nota con cui la Prefettura annuncia la sua decisione, si specifica che “a seguito del passaggio in giudicato dell’ordinanza con la quale il Tribunale di Nocera Inferiore ha accolto il ricorso promosso ai sensi dell’art.70 del decreto legislativo 267/2000, dichiarando Alberico Gambino decaduto, ex art.143 comma 11 del TUEL, dalla carica di sindaco del comune di Pagani, della quale si è preso atto con delibera consiliare, è stato avviato l’iter per lo scioglimento del consiglio comunale di Pagani, in base al combinato disposto degli articoli 141, comma 1, lett. b) n.1 e 53, comma 1 del decreto legislativo n.267/2000.

Consiglio, giunta e vicesindaco in carica fino alle elezioni. Di fatto, il prefetto Russo ha avallato la tesi della maggioranza sull’applicazione dell’art.53 del decreto legislativo n.267/2000. La normativa prevede che dopo lo scioglimento del consiglio comunale per decadenza del sindaco, il consiglio e la giunta restino in carica fino alle prossime elezioni amministrative, che avverranno in primavera, e che le funzioni del sindaco siano svolte dal vicesindaco. Anna Rosa Sessa, dunque, attuale vicesindaco, già fedelissima di Gambino guiderà il Comune alle prossime elezioni amministrative di primavera.