Pesca a strascico sotto costa, blitz della Guardia Costiera

Il peschereccio navigava a luci spente a 200 metri dalla costa in località Magazzeno. I prodotti ittici sequestrati, dopo un'attenta analisi dei veterinari dell'Asl, sono stati donati alla mensa dei poveri

0
132

Pescava a strascico a circa 200 metri dalla costa in località Magazzeno a luci spente. Una motovedetta della Guardia costiera di Salerno ha sorpreso alle prime luci dell’alba un motopeschereccio che pescava a strascico a una distanza in cui l’attività non è consentita. Al comandante del motopesca, denunciato per violazione delle norme in materia di sicurezza della navigazione, sono state contestate le relative violazioni amministrative “per aver effettuato l’attività di pesca in zona vietata”. Sequestrati gli attrezzi da pesca, tutto il pescato è stato sequestrato. I prodotti ittici posti in sequestro sono stati ispezionati dal medico veterinario dell’ASL di Salerno e, ritenuti idonei al consumo, sono stati donati in beneficenza alla Mensa dei poveri – Associazione San Francesco Onlus di Salerno.
L’attività condotta nella giornata di oggi si inserisce nella più vasta operazione che vede impegnati quotidianamente uomini e donne della Guardia Costiera nel monitoraggio e nel contrasto alle condotte illegali sull’intera filiera della pesca, dalla cattura alla vendita, a tutela dell’ecosistema marino e del consumatore.