Resa granata, il Brescia vede la serie A

Primo tempo stellare per i padroni di casa che passano in vantaggio dopo tre minuti. Niente da fare per la Salernitana, costretta a inseguire per tutta la partita

0
96

BRESCIA-SALERNITANA 3-0
BRESCIA (4-3-1-2): Alfonso; Sabelli (1′ st Mateju), Cistana, Romagnoli, Martella; Bisoli, Tonali, Dessena; Tremolada (9′ st Dall’Oglio); Torregrossa (34′ st Morosini), Donnarumma. A disp: Andrenacci, Gastaldello, Ndoj, Spalek, Rodriguez. All. Eugenio Corini

SALERNITANA (3-4-2-1): Micai; Pucino, Migliorini, Mantovani; Casasola, Akpa Akpro, Di Tacchio (33′ st Odjer), Lopez; Rosina (15′ st A.Anderson), Jallow (1′ st Calaiò); Djuric. A disp: Vannucchi, Lazzari, D.Anderson, Vuletich, Gigliotti, Memolla, Schiavi, Orlando, Mazzarani. All. Angelo Gregucci

Arbitro: Ivano Pezzuto di Lecce

Assistenti: Raspollini e Gamal

IV uomo: Lorenzo Maggioni di Lecco.

NOTE. Marcatori: 3′ pt Tremolada (B), 37′ pt Torregrossa (B), 14′ st Donnarumma su rig (B); Ammoniti: Tonali, Dall’Oglio (B), Odjer (S); Angoli: 5-8; Recupero: 1′ pt – 3′ st

Il Brescia liquida con un secco 3-0 la pratica Salernitana e vede sempre più vicina la serie A. Due reti nel primo tempo, una dopo appena tre minuti con Tremolada e poi lo splendido raddoppio di Torregrossa a chiudere la prima frazione di gioco. Nella ripresa la rete dell’ex Donnarumma su calcio di rigore, ed almeno altre tre limpide occasioni per gli uomini di Corini per poter potare a quattro le marcature. Primo tempo stellare del Brescia che dopo appena tre giri di lancette si porta subito in vantaggio. Errore di Pucino, con Bisoli che sfonda sulla destra e libera al centro dell’area Tremolada, in campo oggi al posto di Spalek. Conclusione precisa che batte Micai e Rondinelle avanti 1-0. La riposta granata arriva dieci minuti dopo. Angolo di Rosina, uscita a vuoto di Alfonso e conclusione di Casasola a botta sicura. Bisoli sulla linea gli nega la gioia del pareggio. Il Brescia è padrone del campo e dopo aver sfiorato in un altro paio di occasioni la rete, al 37′ trova il raddoppio. Azione travolgente di Torregrossa che va via in velocità, ruleta su Lopez e Di Tacchio per liberarsi. Scambio al limite con Donnarumma che gli ritorna la sfera e con un tocco da biliardo pizza il pallone alle spalle di Micai. Applausi a scena aperta per l’attaccante del Brescia, che realizza una rete da manuale. Nella ripresa la musica non cambia con il Brescia che parte subito forte e sfiora il tris con Dall’Oglio. La rete arriva però al 14′ minuto direttamente da calcio di rigore. Akpa Akpro affonda Torregrossa. Per il direttore di gare non ci sono dubbi e assegna il penalty. Sul dischetto ci va l’ex Donnarumma che mette il pallone all’incrocio dei pali, andando ad esultare sotto la curva dei tifosi bresciani. Cinque minuti dopo ancora il capocannoniere del torneo cadetto vicino al poker, ma la mira non è precisa. Al 24′ è capitan Romagnoli a sfiorare la rete, con un colpo di testa dagli sviluppi di un corner. Girandola di cambi da una parte e dall’altra che però non cambia l’inerzia del match, con il Brescia che batte tra le mura amiche la Salernitana con un secco 3-0 e vola sempre più spedita verso la promozione in serie A.